FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Ecco come i turisti russi riescono a entrare in Europa grazie alla Finlandia

Il Paese scandinavo è l'unico a rilasciare visti ai russi. Alle proposte di bloccarli, Mosca avverte: "Risponderemo in modo molto negativo"

dal-web

La guerra in Ucraina ha cambiato profondamente il turismo europeo, che per quest'anno ha dovuto di fatto chiudere le porte agli arrivi dalla Russia.

Eppure, i turisti russi un modo per raggiungere le loro amate mete europee lo hanno trovato.

Tutto grazie alla Finlandia.

Il Paese scandinavo è infatti l'unico tra quelli europei al confine a rilasciare ancora visti ai turisti russi. Il risultato è un

paradosso

che sta suscitando non poche critiche.

Il nuovo "Mc Donald's" riapre a Mosca in occasione della Giornata della Russia

Ha aperto ufficialmente la catena Vkusno & Tochka, che ha rilevato i fast food di McDonald's in Russia. La catena, di proprietà interamente russa, è stata inaugurata in occasione della Giornata della Russia. La riapertura comincia con 15 punti commerciali all'interno e nei dintorni della capitale Mosca. Oleg Paroev, amministratore delegato di Vkusno & Tochka, ha affermato che la società prevede di riaprire 200 ristoranti in Russia entro la fine di giugno e tutti gli 850 entro la fine dell'estate.

Leggi Tutto Leggi Meno


La

chiusura dello spazio aereo russo

e la decisione di Polonia, Estonia, Lettonia e Lituania di sospendere i visti a chiunque venga dalla Russia hanno sbarrato ai suoi cittadini le vie d'accesso ai Paesi europei. Ma la decisione della Finlandia di non adeguarsi ha fornito ai russi la possibilità di

superare i confini

e poter così muoversi in Europa. Il tutto è diventato evidente con

la fine in Finlandia delle restrizioni

contro il Covid e l'allentamento delle stesse in Russia tra giugno e luglio: in poche settimane - riporta Today - i russi che hanno attraversato il confine sono passati da 125mila a oltre 185mila.


In questo modo la Finlandia ha offerto ai turisti russi un'alternativa, ben più allettante, rispetto alle altre due opzioni possibili. Ovvero la rotta che passa dalla

Turchia

e quella che attraversa la

Serbia

, ma la loro pericolosità le rende di fatto poco appetibili.


 


 


"La situazione è

insopportabile

- attacca Jukka Kopra, del Partito di coalizione nazionale - gli ucraini vengono uccisi, compresi civili, donne e bambini, e allo stesso tempo i russi trascorrono le vacanze nell'Ue". Dello stesso tono Aki Lindén, leader dei socialdemocratici e membro del

governo di Sanna Marin

: "Personalmente, penso che le restrizioni debbano essere rafforzate", ha detto all'Afp.


 


C'è anche però chi vede in questa circostanza un'occasione per il Paese: "Per come la vedo io, dovremmo prendere i loro soldi. Il boom del commercio sarebbe positivo soprattutto per la Finlandia orientale", ha scritto su Twitter il social democratico Veikko Vallin. Intanto, martedì scorso, 

Mosca

ha fatto sapere tramite il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov che "

reagirà in modo molto negativo

" in caso di un blocco da parte di Helsinki.


 


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali