FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Covid, primo caso della variante sudafricana in Belgio | Centro europeo malattie: da Omicron per Ue rischio alto

Registrato in una donna, non vaccinata né guarita, che ha sviluppato i sintomi 11 giorni dopo aver viaggiato in Egitto attraverso la Turchia. Allo Spallanzani istituita una task force per studiare il nuovo ceppo

La variante sudafricana del Covid-19 è arrivata in Europa. Il primo caso è stato registrato in Belgio in una donna che ha sviluppato i sintomi 11 giorni dopo aver viaggiato in Egitto attraverso la Turchia. Non aveva alcun collegamento con il Sudafrica o con qualsiasi altro Paese del sud del continente africano. La paziente aveva una carica virale elevata. Non era vaccinata né già guarita dalla malattia. Ecdc: "Da Omicron per Ue rischio alto".

Von der Leyen: "Vaccini siano adattati alle nuove varianti "

 "E' importante che l'Europa si muova velocemente e in modo compatto. Ho proposto agli Stati membri di attivare il freno d'emergenza per limitare la diffusione della nuova variante con la sospensione di tutti i voli dall'Africa australe". Lo ha annunciato la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, sulla nuova variante, la B.1.1.529:

 

 

"Chi ritorna da questa regione dovrebbe seguire strette regole di quarantena. I contratti dell'Unione europea con i produttori affermano che i vaccini devono essere adattati immediatamente alle nuove varianti man mano che emergono".

 

Ecdc: da Omicron per Ue rischio alto o molto alto

 Il livello di rischio associato alla variante Omicron per l'Ue è "alto o molto alto". E' quanto scrive il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle malattie (Ecdc) in un rapporto diffuso venerdì sera sul nuovo ceppo Covid. La variante, spiega Ecdc, è
quella "meno simile" tra quelle esaminate durante la pandemia. 

 

"Esiste una notevole incertezza relativa alla trasmissibilità, all'efficacia del vaccino, al rischio di reinfezione e ad altre proprietà della variante Omicron", sottolinea l'Ecdc. E ancora: "La sorveglianza genomica rimane della massima importanza per la diagnosi rapida della presenza di questa variante" e "in questa fase iniziale si consiglia vivamente di evitare viaggi da e per le aree colpite note, nonché un aumento dei test (con sequenziamento dei casi confermati)".

 

Inoltre l'Ecdc sottolinea che i Paesi europei "sono invitati a dare la massima priorità" alla vaccinazione dei soggetti che ancora non sono vaccinati o completamente vaccinati e che "i Paesi dovrebbero prendere in considerazione una dose booster a partire dai 40 anni, rivolgendosi prima ai più vulnerabili e agli anziani, e poi potrebbero prendere in considerazione una dose di richiamo per tutti gli adulti di età pari o superiore a 18 anni almeno sei mesi dopo il completamento del primo ciclo".
 

 

Variante sudafricana, i sette Paesi dai quali lʼItalia ha bloccato i viaggi

 


 

Spallanzani: "Costituita una task force per nuova variante"

"L'istituto Spallanzani ha costituito una task force per analizzare i dati che afferiscono a livello internazionale e predisporre il sequenziamento dei ceppi a fini di sorveglianza virologica". Così lo Spallanzani sulla nuova variante isolata in Sudafrica.

 

Israele: "La nuova variante ci preoccupa, siamo in allarme"

 "Siamo ad un punto di allarme, la variante sudafricana è preoccupante". Lo ha detto il premier Naftali Bennett in conferenza stampa alla fine della riunione di governo sulle misure adottate sul caso. "Abbiamo un caso accertato, 3 sospetti e forse ce ne sono altri", ha aggiunto dopo aver ricordato che in Sudafrica "in una settimana la nuova variante ha soppiantato quella Delta". "Per questo - ha insistito - non prendiamo rischi. E se vedremo che la variante non è così terribile torneremo alla routine".

 

 

La reazione delle case farmaceutiche Pfizer/BioNtech hanno fatto sapere che stanno già studiando Omicron e contano di avere i primi risultati "al più tardi entro due settimane". E "nel caso emerga una variante che sfugga al vaccino saranno in grado di sviluppare e produrre un immunizzante su misura in circa 100 giorni, previa approvazione normativa". Anche Moderna ha annunciato aggiornamenti alla sua strategia per affrontare le varianti. In una nota informa di essere al lavoro per testare una dose di richiamo in grado di neutralizzare la temibile Omicron. I dati sono attesi nelle prossime settimane. Ma tra il lavoro scientifico e quello di approvazione degli enti regolatori una dilatazione dei tempi potrebbe esserci. 

 

Usa, bambini senza paura dei vaccini anti-Covid con il team capitanato dal cane Ollie

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali