FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, superato il milione di vittime nel mondo | Spagna primo Paese europeo per contagi

LʼOms ha definito "molto probabile" un raddoppio dei decessi. Le regioni più colpite sono America Latina e Caraibi. A Madrid nuove restrizioni, divieti anche a Parigi e Marsiglia

Continua ad aggravarsi il bilancio della pandemia di coronavirus, che nel mondo si appresta a toccare il traguardo del milione di vittime. Si tratta di decessi ufficiali, perché il numero in realtà potrebbe essere più alto per la difficoltà, soprattutto in alcune aree del mondo, di identificare con esattezza tutte le morti per Covid-19. Cresce l'allarme in Europa, in particolare in Francia dove il 32% dei focolai si registra in scuole e università.

"E' un numero terribile", ha dichiarato l'Oms, stimando un raddoppio "molto probabile". Il conteggio delle vittime avvicina l'epidemia di Covid-19 alle dimensioni dell'influenza asiatica, che nel 1957-58 provocò 1,1 milioni di morti, e per fortuna ancora molto lontana dai 50 milioni di decessi provocati dalla spagnola nel 1918-19.

 

Coronavirus, nuove restrizioni in Francia: divieti a Marsiglia e Parigi

Nella regione di Marsiglia, fino ad Aix-en-Provence (zona dichiarata di "allerta massima"), sono scattate le misure restrittive decise dal governo francese per contrastare la pandemia di coronavirus. La misura sarà operativa per 15 giorni. Anche Parigi ha reso operative le nuove disposizioni sulla chiusura dei bar e sul divieto di vendere bevande alcoliche dopo le 22. Restrizioni sono scattate anche in tutto il nord della Francia.

 

Le regioni più colpite in termini di numero di decessi sono America Latina e Caraibi (341.032 decessi su 9.190.683 casi), Europa (229.945 decessi su 5.273.943 casi) e Stati Uniti e Canada (214.031 decessi su 7.258.663 casi).

 

Spagna Paese più colpito d'Europa - Con un totale di contagi da inizio pandemia salito a quota 716.481, la più alta in Europa, la Spagna valuta nuovi provvedimenti. A Madrid, teatro di proteste contro le restrizioni antivirus, dalla mezzanotte nuove aree, con milioni di cittadini, sono state sottoposte al divieto di movimento se non  per motivi di lavoro, di studio o cure mediche, una misura comunque più blanda di quanto richiesto dal governo: E si raccomanda a "tutta la popolazione", che risieda o meno in zone a rischio, di "evitare spostamenti inutili", e non è escluso un nuovo intervento del governo.

 

Nuove restrizioni in Francia: divieti a Marsiglia e Parigi - Intanto anche nella regione di Marsiglia, fino ad Aix-en-Provence (zona dichiarata di "allerta massima"), sono scattate le misure restrittive decise dal governo francese per contrastare la pandemia. La misura sarà operativa per 15 giorni. Anche Parigi ha reso operative le nuove disposizioni sulla chiusura dei bar e sul divieto di vendere bevande alcoliche dopo le 22. Restrizioni sono scattate anche in tutto il nord della Francia.

 

Di Maio: "Massimo aiuto a Francia e Spagna" "In Europa ci sono Paesi che stanno ancora soffrendo per il coronavirus. Su tutti Spagna e Francia, che rischiano un nuovo lockdown. Agli amici spagnoli e agli amici francesi la massima solidarietà e vicinanza del popolo italiano". Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. "Come governo daremo il massimo aiuto e supporto. Metteremo a disposizione le nostre conoscenze e i nostri strumenti. L'Europa deve essere solidale, sempre".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali