FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Da Resident Evil a Monster Hunter e Devil May Cry: il momento dʼoro di Capcom

Negli ultimi due anni, la software house di Osaka ha sfornato una serie di ottimi giochi, dimostrandosi particolarmente in forma

Da Resident Evil a Monster Hunter e Devil May Cry: il momento d'oro di Capcom

Se nella scorsa generazione di console gli sviluppatori giapponesi hanno sofferto un periodo di crisi, negli ultimi anni la situazione è decisamente cambiata. Le software house nipponiche hanno ripreso a produrre giochi di alto livello. E tra queste, Capcom brilla in modo particolare.

La storia dei videogiochi non avrebbe quasi senso, senza il Giappone. Da Mario a Pac-Man, da Metal Gear a Resident Evil, dal Super Nintendo alla PlayStation, da Final Fantasy a Dark Souls, produttori e sviluppatori giapponesi sono sempre stati troppo importanti per questo medium. Eppure, una decina d’anni fa, il mondo videoludico del Sol Levante non viveva un periodo particolarmente felice. Con l’arrivo delle console HD, infatti, gli sviluppatori occidentali hanno fatto un balzo avanti, dal punto di vista tecnico e qualitativo, che i loro colleghi nipponici non hanno saputo pareggiare.

Con l’attuale generazione di console, invece, le cose sono cambiate, e dal Giappone sono arrivati titoli di altissimo livello, segno di una ripresa importante, da parte delle software house orientali, che non può che far bene a tutto il settore. Si pensi a titoli come Bloodborne, The Legend of Zelda: Breath of the Wild, Persona 5, NieR: Automata, NiOh, Dragon Quest XI, gli ultimi Yakuza e tanti altri. Tra ottimi giochi e autentici capolavori, i giochi giapponesi, un tempo i migliori in assoluto su console, sono tornati a risplendere. E senza che le software house occidentali ne risentissero, anzi. A tutto vantaggio di noi videogiocatori, insomma.

In particolare, vorrei soffermarmi sull’ottimo periodo di una storica software house, Capcom, che negli ultimi due anni sembra essere davvero in stato di grazia. Penso soprattutto a quattro gioconi sfornati dall’azienda di Osaka dall’inizio del 2017 a oggi, ovvero Resident Evil 7, Monster Hunter World, Resident Evil 2 e Devil May Cry 5.

Resident Evil 7 è uno dei più atipici e al contempo migliori episodi di una saga storica che forse stava un po’ rischiando di perdere la bussola. È il primo, e finora unico, Resident Evil in soggettiva ed è senza alcuna ombra di dubbio il più terrificante dell’intera serie. Trae ispirazione dalla recente ondata di giochi horror in prima persona, appunto, come Outlast, Amnesia e altri, ma riesce a dare la sua interpretazione di questo filone, arricchendolo e contaminandolo con lo stile Resident Evil. Ciliegina sulla torta: è una delle migliori esperienze in VR. Ma anche una delle più terrificanti, occhio.

Resident Evil 7 (gennaio 2017) è uno dei più atipici e al contempo migliori episodi di una serie storica.

Monster Hunter World è il risultato di uno sforzo straordinario: rendere appetibile anche ai giocatori occidentali, e agli utenti di console casalinghe di ultima generazione, quello che già da svariati anni era un fenomeno di massa in Giappone, specie per i possessori di console portatili (prima PSP, poi Nintendo 3DS).

L’enorme successo di pubblico la dice lunga su quanto l’operazione sia riuscita. Ma anche la critica è d’accordo: se si esclude un approccio un po’ ostico, la caccia ai mostri in compagnia di amici è davvero irresistibile. Lo testimoniano anche le mie oltre 200 ore trascorse col gioco, e le tante notti insonni!

Monster Hunter World (gennaio 2018) ha fatto amare la serie Monster Hunter a tanti nuovi giocatori.

Resident Evil 2, uscito all’inizio di quest’anno, è probabilmente il miglior remake di sempre, per un videogioco. Riesce a restituire le stesse identiche sensazioni dell’originale di due decenni fa, in una confezione assolutamente al passo con i tempi.

E non è solo una questione estetica. La grafica è straordinaria, ma è soprattutto il gameplay ad aver subito un intelligente e convincente restyling. Nel rispetto sia di un passato storico, sia delle esigenze dei videogiocatori di oggi.

Resident Evil 2 (gennaio 2019) è forse il miglior remake di sempre per un videogioco.

Infine, Devil May Cry 5, disponibile proprio a partire da oggi, è un altro grande centro per Capcom. Graficamente superbo, il nuovo capitolo della saga di Dante e compagni offre anche uno dei migliori e più rifiniti sistemi di combattimento visti nella serie DMC, ma anche in tutto il genere dei cosiddetti Stylish Action Game.

Devil May Cry 5 (marzo 2019) convince per realizzazione tecnica e qualità del gameplay.

Non raggiunge, a mio avviso, le vette di un Bayonetta, ma ci va abbastanza vicino. Di sicuro, è un ulteriore segno di come sia in forma, in questo periodo, la software house di Osaka. Non ci resta che aspettarci altri grandi titoli, quindi, da questa storica azienda.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali