FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa, porta un videogioco al banco dei pegni e scopre un tesoro da 13mila dollari

Lʼuomo americano non sapeva di possedere uno dei giochi più rari mai lanciati su Nintendo Entertainment System

Scavando nella cantina di casa, spesso si possono scovare oggetti che hanno acquisito un valore spropositato rispetto al prezzo d'acquisto originale, portando il fortunato possessore a guadagnare una vera e propria fortuna.

È ciò che è successo a un uomo di Seattle, Washington, il quale ha raggiunto un banco dei pegni specializzato nella compravendita di vecchi videogiochi per offrirgli una borsa piena di cartucce per NES (Nintendo Entertainment System), la prima e storica console di Nintendo.

Ciò che l'uomo non sapeva è che tra decine di giochi privi di valore, era nascosta anche una cartuccia rarissima del valore di 13mila dollari.

Andiamo con ordine: l'uomo raggiunge il negozio Pink Gorilla Games, specializzato proprio nella vendita di vecchie glorie del passato e nell'importazione parallela, per rivendere una borsa piena di decine di cartucce per NES. "È la borsa con i giochi NES più noiosi che tu possa immaginare", avrebbe riferito l'uomo a Cody Spencer, uno dei proprietari dell'azienda. Spencer ha confidato di essere davvero annoiato dalla selezione di videogiochi proposta dall'uomo, o almeno fino al momento di arrivare al fondo della borsa.

Uno degli ultimi videogiochi proposti dal 30enne, infatti, era un pezzo di storia del NES: Nintendo World Championships 1990, uno dei giochi più rari e ricercati tra gli appassionati di collezionismo e retrogaming. Dopo aver attestato l'autenticità della cartuccia e confermato l'identità del venditore, Spencer ha proposto all'uomo una cifra spropositata: 13mila dollari per acquistarla immediatamente. Inutile sottolineare che per l'uomo, ignaro del reale valore di ciò che stringeva tra le mani, si trattava di un'offerta da non lasciarsi scappare.

"Avremmo potuto acquistare la cartuccia per venti dollari, o persino un dollaro! Non aveva la minima idea del suo valore", ha commentato Spencer in un'intervista ad Ars Technica. Il proprietario di Pink Gorilla Games ha preferito agire con estrema correttezza, pagando all'uomo una cifra importante per l'acquisto di Nintendo World Championships 1990. Spencer era sicuro del suo investimento, e in meno di 24 ore ha venduto la cartuccia a un uomo che ha preferito restare nell'anonimato e ha chiesto all'azienda americana di non rivelare la cifra d'acquisto, che ipotizziamo possa essere decisamente elevata.

Non è la prima volta che un episodio del genere accade negli Stati Uniti: qualche settimana fa, nel Nevada un uomo ha scoperto di possedere una copia sigillata di Kid Icarus, altra vecchia gloria del catalogo NES, la quale è stata successivamente venduta all'asta per una cifra pari a 9mila dollari. Preparatevi a scavare in cantina: all'interno di vecchi scatoloni impolverati potrebbe nascondersi un vero tesoro!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali