FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Death Stranding: ecco Heartman, il personaggio che muore ogni 21 minuti

Continuano a emergere dettagli sullʼenigmatico progetto di Hideo Kojima, il papà della serie Metal Gear Solid

Dal Comic-Con di San Diego, Hideo Kojima ha presentato un nuovo trailer dedicato al suo Death Stranding, nuovo progetto dopo l'addio del leggendario creatore di Metal Gear Solid agli studi Konami.

Il filmato è dedicato completamente al personaggio di Heartman, interpretato dall'attore e regista Nicolas Winding Refn, la cui particolarità è quella di... morire ogni 21 minuti.

Membro del gruppo Bridges, Heartman muore così 60 volte al giorno trascorrendo tre minuti nel mondo dei morti per investigare sulle cause del Death Stranding, catastrofico evento che ha completamente trasformato il mondo in cui vivono i pochi superstiti. Nel video, Heartman spiega al protagonista Sam (interpretato da Norman Reedus, attore di The Walking Dead) come riesce a vivere con questi ritmi basandosi esclusivamente su attività che rientrino nel ciclo da 21 minuti.

Il ruolo di Heartman nella storia di Death Stranding resta avvolto nel mistero, così come buona parte del progetto di Hideo Kojima: per scoprirlo, non dovremo far altro che attendere l'8 novembre, quando la nuova creatura partorita dalla mente del brillante designer giapponese arriverà in esclusiva su PlayStation 4.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali