FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tatuaggi, una passione tutta da studiare: il 12,8% in Italia è tatuato

Dai numeri allʼevoluzione di un fenomeno mondiale che, da marchio per gli schiavi, è diventato un modo di comunicare

Tatuaggi, una passione tutta da studiare: il 12,8% in Italia è tatuato

Il tatuaggio, in Italia, è una moda diffusa, condivisa, contagiosa. Lo dicono i numeri: il 12,8% di età compresa tra i 18 e i 44 anni è tatuato. Un dato in linea con la media europea, ma di gran lunga inferiore agli Stati Uniti, dove un terzo della popolazione ha almeno un tratto indelebile sulla pelle. A raccontare la storia e l'evoluzione del tattoo nel mondo ci ha pensato l'Università di Pisa, con uno studio che racconta l'evoluzione di questa antica arte in Occidente dalla preistoria a oggi.

Se una volta era simbolo degli schiavi e qundi portava con sé un'accezione negativa, oggi è qualcosa da esibire. Con "Sulla nostra pelle. Geografia culturale del tatuaggio' , gli autori Paolo Macchia ed Elisa Nannizzi ci guidano dentro un percorso storico e sociologico, pa facendo anche un censimento sui tatuatori italiani: quasi 2800, per lo più al nord (quasi il 60%, Lombardia in testa), davanti al centro Italia, mentre al Sud la presenza di queste imprese è meno di un quinto del totale.

Il libro rivela che "nella Grecia e nella Roma antiche il tatuaggio fu utilizzato come stigma per marchiare fuggiaschi o prigionieri di guerra: con la diffusione del Cristianesimo, che ripudiava ogni segno sul corpo perse la sua importanza, ma resistette durante il Medioevo dove fu particolarmente in voga fra i pellegrini. Per tutto il periodo moderno ha mantenuto un significato punitivo per identificare prostitute, criminali e schiavi". Nel Novecento i tatoo si riprendono la scena con i grandi cambiamenti politico-sociali: hippie, punk, biker e skin-head ostentano i loro simboli. Fino alle mode di oggi con calciatori, cantanti e personaggi dello spettacolo che li ostentano come trofei. "Oggi - spiega Macchia - la pelle è uno strumento di comunicazione che non parla più a un gruppo, ma al singolo e del singolo e dunque, dato che non esiste più un linguaggio codificato, per sapere cosa significa un tatuaggio, occorre chiederlo a chi lo indossa". Il libro ha anche una galleria di personaggi celebri tatuati: da Winston Churchill che aveva un'ancora sull'avambraccio in ricordo dei tempi passati come corrispondente tra Cuba, India e Sudafrica al presidente Usa Theodore Roosevelt che portava sul petto lo stemma araldico della propria famiglia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali