FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Vision of Super. Il nuovo look che infiamma!

Il brand Vision of Super propone in edizione limitata capi unici ed esclusivi dall'anima street-rock

Vision of Super è un nuovo brand di abbigliamento italiano che mixa il mondo fashion con quello della cultura skate e del rock. Dietro a questo affascinante progetto troviamo Dario Pozzi, il fondatore, e Mirco Bandini, manager e volto del marchio. Pezzi unici e innovativi, rispetto alle altre proposte presenti sul mercato, produzione italiana, distribuzione selezionata ed edizioni limitate.

Vision of Super. Il nuovo look che infiamma!

Una sapiente combinazione di dettagli esclusivi e pura creatività dà origine a capi futuristici, che rispondo alle esigenze di un pubblico giovane, social e sempre aggiornato sulle nuove tendenze.
La collezione Flames rappresenta il design più iconico del brand e unisce l’heritage del Made in Italy con le migliori tecniche di stampa e ricamo…per un outfit che infiamma!


Chi sono Dario Pozzi e Mirco Bandini? Quali sono le vostre origini e qual è stato il vostro percorso di formazione?

Dario: 33 anni, diplomato in ragioneria con alle spalle corsi di marketing e digital. Ho lavorato come responsabile commerciale per un’azienda di elettronica e sales manager per una delle principali agency nel mondo fashion digital. Attualmente founder di Vision of Super, Delicatezzen (marchio nel mondo lifestyle), Rhizome (brand di profumi), Mattmoro (brand di calzature in pelle) e Phobia (brand streetwear).
Mirco: 24 anni, ammetto di aver preso a fatica il diploma da grafico pubblicitario, lo studio non è mai stato il mio forte. La strada da piccolo mi ha creato e mi ha dato una visione più realistica della vita. Vengo dal niente, o forse dal meno di nulla, e per questo ho sempre avuto la fame di svoltare la mia vita, quella della mia famiglia e quella dei miei amici. A 19 anni ho deciso di lasciare la mia città di origine, Faenza, addentrandomi in quella che poteva essere il mio vero habitat: Milano. Mi sono sempre fatto notare e questo ha portato all'incontro con Dario, che fin da subito mi ha dato fiducia come mai nessuno prima. Ad oggi sono Founder di un e-commerce online (Concept Store), partner di Dario in Vision Of Super e Phobia, ed infine ho un mio marchio come consulente per attività e campagne nel mondo digitale. 

 

La passione per la moda da dove deriva?

Dario: Ho sempre avuto il pallino per il fashion. Fin da ragazzino sognavo di realizzare il mio sogno e di creare un brand che la gente amasse e riconoscesse non come semplice marchio, ma come una community. Inoltre, sono un grande appassionato di musica rock e credo che la musica, in generale, influenzi molto le mode.
Mirco: Fin da piccolo ho sempre curato i miei outfit. Per indole, non ho mai subito i pregiudizi degli altri e questo mi ha portato a sviluppare una forte consapevolezza della libertà di esprimermi nei vari campi: moda, arte, intrattenimento e social. Quando non ti fai influenzare da nulla, hai il potere di creare e portare fermamente avanti quello che vuoi. Queste dinamiche mi hanno indirizzato a mischiare le mie varie passioni, coagulando il tutto in un unico mestiere, che ad oggi è la ragione per cui mi alzo la mattina, il mio lavoro quotidiano. Non ho mai avuto ispirazioni o personaggi che mi abbiano condizionato nelle mie intenzioni…è nato tutto spontaneamente dentro di me.

 

Quando e com’è nato il progetto Vision of Super? Come mai la scelta di questo nome?

Dario: Il progetto è nato a Giugno 2018, dopo mesi di attenta analisi del comportamento e delle mode dei teengers. L’idea è stata quella di fornire un prodotto altamente qualitativo, dal punto di vista sia grafico che dei materiali, il tutto ad un prezzo accessibile. In questo mercato ho subito riscontrato un potenziale ancora inespresso, in quanto non esisteva un brand “cool” ad un prezzo abbordabile. VoS vuole essere un progetto fortemente social addicted. In passato mi capitava spesso di rispondere a chat e messaggi, utilizzando il simbolo della fiamma o la parola Super. Quindi, quale nome avrebbe potuto essere più adatto della mia “visione” di ciò che ritengo propriamente social? Le parole che io stesso utilizzavo in quel contesto esprimono al meglio la mia concezione di qualcosa di super…“Vision of Super”.
Mirco: Dario ha sviluppato la riconoscibilità ed unicità del brand, sviluppando un concetto che mi ha fatto innamorare dal primo giorno. Io, in questo caso, non ho creato nulla, ho "soltanto" creduto fortemente nella sua idea, per apportare poi quelli che erano le mie idee e tutto quei contributi personali che potevo dare a Vision of Super. Quando un progetto non ti appartiene fin da subito, non è facile farlo diventare proprio, ma Dario mi ha trasmesso fiducia e mi ha riconosciuto la libertà di condurre insieme a lui il futuro del brand (cosa non da tutti). Questo ci ha permesso di creare forti sinergie tra di noi, completando quello che mancava.

 

Quali sono le caratteristiche essenziali delle vostre creazioni?

Vision of Super si basa su 3 elementi fondamentali: unique, limited and exclusive: capi unici e riconoscibili, molto spesso in limited edition, distribuiti in negozi ben selezionati e con una qualità eccellente Made in Italy. Nel corso della crescita del brand, sono stati introdotti altri aspetti, ma preferiamo far assaporare le nostre novità piano piano…

 

L’ispirazione da dove arriva? La cultura skate, rock e street quanto influenza il vostro concetto di moda?

Vision of Super è totalmente influenzato dalla musica, un mix di rock e rap/trap. Crediamo fortemente che la moda nasca e cresca parallela alla musica e che le due cose debbano andare di pari passo. Studiamo l’abbigliamento di tanti artisti, lo rielaboriamo e lo interpretiamo secondo la nostra visione. Poi ci sono altri segreti del mestiere, l'analisi di quello che i clienti vogliono è fondamentale e, soprattutto, le culture degli ambienti in cui le persone si muovono.

 

Come mai le fiamme? 

Volevamo essere riconosciuti con un simbolo forte, che rimanesse nella testa della gente ancora più del nostro logo. Un simbolo immortale, che potesse essere rivisitato e ripresentato nelle sue diverse sfumature in ogni periodo della moda. Ora l'obiettivo è far capire alla gente che Vision of Super sì, è fuoco e fiamme, ma non solo...

 

Che importanza assume per voi l’artigianalità Made in Italy?

E’ fondamentale. Ci rivolgiamo soltanto ad aziende italiane che producono capi di alta qualità e che ci possano garantire standard elevati. I nostri produttori lavorano con brand del lusso molto famosi e sono abituati a fornire un prodotto di un certo livello. Vogliamo che il cliente si stupisca e che possa confrontare la nostra qualità anche con prodotti di altri brand molto più costosi e affermati. Questo è solo l'inizio, punteremo a studiare sempre di più il mercato di produzione, per ottimizzare il rapporto qualità/prezzo del nostro prodotto. 


Il vostro brand è stato scelto da molti talent e celeb anche molto diversi tra loro, tra cui, ad esempio, solo per citare alcuni nomi, Dani Faiv, Inoki, Sfera Ebbasta, Matt McGuire dei Chainsmokers, JBalvin, Elettra Lamborghini, Fishball, Rocco Hunt, Mambolosco e tantissimi altri. Ma, più in generale, a quale pubblico vi rivolgete?

Vision of Super nasce per essere un brand che si rivolge ad un target giovane 15-35 anni, appassionato di moda e che segue le evoluzioni di essa su social e web. La nostra è un'immagine versatile e diverse generazioni, come abbiamo notato, vi si rispecchiano tranquillamente. E' bellissimo vedere ragazzi di 16/18 anni portare i nostri outfit e confrontarli allo stesso modo con persone di 25/30 che vestono Vision of Super .

 

Chi sono Dario e Mirco nella vita privata? Interessi e passioni nel tempo libero?

Dario: Sono un ex cestista, ora dedico la mia vita alla mia azienda e alla mia famiglia: Federica, la mia compagna e Mirtillo, il mio bulldog francese.
Mirco: Essendo una persona molto curiosa, ho sempre saputo guardarmi attorno, avvicinandomi a diversi mondi. Ai tempi delle medie/superiori ho avuto un percorso molto differenziato/travagliato, passando dal fare graffiti a suonare come dj in alcune discoteche, finendo per poi trasferire il tutto in fotografia e videomaking. 

 

Progetti e sogni per il futuro del vostro brand?

Dario: Vorremmo rendere sempre più unica e affiatata la nostra community (#VOSPEOPLE), che gira intorno a Vision of Super, l’obiettivo per il 2020 è confermarci come brand a livello italiano e sviluppare nuovi mercati. Abbiamo già molti punti vendita in Asia, Russia e Europa, ma vogliamo diventare un brand internazionale a tutti gli effetti.
Mirco: Sembrerò sfacciato ma, perdonatemi e fatemi aggiungere questo piccolo intervento: nella vita ho bisogno di pensare in grande. Se così non fosse, non potrei nemmeno fare qualcosa di grande perché appunto mi sono limitato a non andare oltre! Entro fine 2020 Vision of Super sarà sicuramente uno dei brand più conosciuti in Italia, ma vedrete che si sentirà parlare tanto anche all’estero come ha anticipato Dario. Siamo molto felici dello sviluppo e soprattutto della crescita esponenziale che c’è stata fino ad ora, ma è solo l’inizio, le grandi cose devono ancora arrivare. Questa è una piccola granata, la bomba atomica è ancora da sganciare!

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali