FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Uomo, Milano Fashion Week 2020: jeans sbottonati e super cappotti 

Dolce & Gabbana, Emporio Armani e Dsquared2: cosa c'è da sapere e da cosa prendere spunto per l'autunno-inverno 2020-2021

MFW, Dolce & Gabbana: l’uomo tra arti, mestieri… e Tik Tok

Cappotti voluminosi e importanti, avvolgenti, esagerati. E jeans slacciati, portati uno sull’altro, attillatissimi. Dettagli mutuati dal mondo dello sport trasferiti su capi più classici. Si preannuncia un autunno-inverno 2020-2021 dalle proporzioni esasperate, a guardare le passerelle delle prime sfilate di Milano Moda Uomo. La prima Fashion Week 2020 segna però anche un radicale cambio di passo nel mondo del fashion maschili: capi (finalmente) portabili e apertura al riciclo, con l’obiettivo di arrivare a una moda sempre più etica e rispettosa dell’ambiente. 

DOLCE & GABBANA, SUPER CAPPOTTI E ABITI DA LAVORO – Una passerella dedicata alle arti e ai mestieri. Il giardiniere, il sarto, il pastore, l'orafo, il lattaio sfilano sulla passerella di Dolce & Gabbana. La tradizione italiana del “fatto a mano” viaggia al ritmo di Tik Tok, con 40 giovanissimi arruolati per fare i video delle postazioni-installazioni di artigiani all'ingresso della sfilata. "Il messaggio che vogliamo lanciare è un ponte tra la tradizione italiana del lavoro e le nuove generazioni - ha spiegato Stefano Gabbana - Per dire loro che con le mani si può fare qualcosa di utile a se stessi e alla società".
 

MFW, Emporio Armani: il ‘classico progressivo’ che dice sì al riciclo

EMPORIO ARMANI, IL CLASSICO ‘PROGRESSIVO’ – Il rinnovamento che parte dalla tradizione.  Giorgio Armani mette ordine e a dà la definizione di come va interpretata l'eleganza oggi: "classic pro" è il nome che accompagna alcuni capi della linea Emporio. È un "classico progressivo" e la soluzione passa attraverso una “lente di ingrandimento” che esaspera le trame. E poi la scelta dei colori, solo due: rosso e nero, "netti e puliti – ha sottolineato lo stilista -, senza influenze esterne". La contaminazione continua con il mondo sportivo, dai gilet sartoriali ma con i tasconi, ai sottocolli in velluto o fustagno. Per la sera, il nero è reso brillante con filamenti d'argento. Alla fine della sfilata, luci spente e la scritta "I am saying yes to recycling", la stessa che appare su alcuni dei 18 capi in bianco e nero e in tessuti recuperati che chiudono lo show.
 

MFW, Dsquared2: tanto denim e ritorno alle origini per i 25 anni

DSQUARED2, COMPLEANNO SPECIALE CON LE RICONFERME DEL DENIM – I pezzi iconici e tutta la storia nel brand, nella sfilata con cui Dean e Dan Caten hanno festeggiato i primi 25 anni di Dsquared2. È tutto giovanile e portabile, con qualche licenza creativa, come i jeans doppi da portare slacciati. Super lunghi e stretti, si abbinano alla camicia da boscaiolo, al maglione a trecce e al gilet imbottito. I pantaloni di lattice alla maglia di mohair e al montgomery corto, i biker pants al cardigan di shearling, in un gioco continuo di contrasti tra morbidezza e seduzione. Ad aprire la passerella, un video che ha ripercorso i momenti più importanti di queste due decadi e mezzo, a chiuderla una clip più intima sui due gemelli canadesi e il live show delle Sister Sledge con la loro hit 'We are family'.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali