FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Tra 10 anni scompariranno i negozi

I consumi delle famiglie crollano (29 miliardi in meno rispetto al periodo pre-crisi) e i piccoli negozi continuano a chiudere a tutto vantaggio dei grandi centri commerciali

Tra 10 anni scompariranno i negozi

I consumi delle famiglie sono ancora lontani dal periodo pre-crisi (29 miliardi in meno) ma i costi fissi e del lavoro non calano così i punti vendita di quartiere continuano a chiudere a tutto vantaggio dei grandi centri commerciali. La Confcommercio ha assistito, infatti, alla chiusura di 25 469 negozi in quest’ anno che volge al termine. I numeri delle vendite, elaborati su dati Istat, mostrano lunghi periodi di profonda crisi, soprattutto per le imprese del commercio tradizionale e per il comparto non alimentare in genere.

Il commercio su piccole superfici ha cumulato tra il 2010 e il 2016 una riduzione del venduto in valore di 10 punti percentuali con un calo del 1,9% per i prodotti alimentari e un calo molto importante per il genere non alimentare: -7,9%.

Ma non è la grande distribuzione ad essersi accaparrata la diminuzione a scapito delle attività di quartiere. I dati dimostrano, infatti, che anche per i grandi negozi nel non alimentare la contrazione delle vendite è rilevante, pari al -5,4% dal 2010 a oggi. Ci sono solo i discount a segnare un segno più significativo: +13,9% è l' aumento cumulato, con percentuali di crescita sempre maggiori ogni anno fino al 2015. Un altro segno, dunque, della propensione e della necessità di risparmio degli italiani.

Il presidente di Confcommercio, Maurizio Violi, ha dichiarato: "Nel 2016 quasi 15mila negozi di commercio al dettaglio hanno abbassato la serranda nel centro-nord dello Stivale, 10 mila nel Sud e nelle isole. Dal 2007 ad oggi il numero di esercizi commerciali è diminuito di quasi 91mila unità: ha chiuso per crisi un negozio su dieci. Se si continua così tra 10 anni l' Italia sarà un Paese senza i negozi di vicinato".

Le eccezioni -   Gli unici ad aver visto la ripresa dopo il 2010 sono i servizi (+1,7%) e i beni durevoli (+0,6%). Gli italiani sono tornati, dopo anni, a fare quindi le grandi spese che non potevano più essere rimandate, come l' automobile o l' arredamento. Ma la spesa di tutti i giorni è ferma come evidente dal tracollo di beni semidurevoli, come abbigliamento, calzature e libri (-9,5%) e beni non durevoli, come i detergenti o i medicinali (-7,4%). In particolare, i segni negativi più pesanti nel confronto dal 2010 a oggi sono segnati da libri giornali e riviste (-17,7%), seguiti da elettrodomestici, radio, tv e registratori (-15,6%). Si spende meno anche per la telefonia o l' informatica (-12,8%), per le calzature (-11,1%), per la fotografia (-10,7%).

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali