FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Occupazione, Italia penultima nellʼUe: al 62,3% nel 2017

Peggio di noi solo la Grecia. Il nostro Paese si rivela fanalino di coda anche per lo scarto occupazionale tra uomini e donne (19,8%)

Occupazione, Italia penultima nell'Ue: al 62,3% nel 2017

L'Italia è penultima nell'Unione europea per il livello di occupazione, attestatosi al 62,3% nel 2017. Peggio di noi solo la Grecia, col 57,8%. Lo riferisce Eurostat, precisando che il nostro Paese si rivela fanalino di coda anche per lo scarto occupazionale tra uomini e donne (19,8%), categoria in cui a superarci è soltanto a Malta col 26,1%. L'Italia è inoltre il penultimo Paese europeo, sempre dopo la Grecia, per donne occupate (appena il 52,5%).

Dai dati emerge inoltre che l'Italia è lontana dal raggiungimento dell'obiettivo, fissato dall'Ue al 2020, di un tasso d'occupazione complessivo del 67%. Il numero di occupati segna però un moderato aumento, con un +0,7% sull'anno rispetto al 61,6% del 2016.

La crescita maggiore (+0,9%) è stata registrata dalle lavoratrici, passate dal 51,6% del 2016 al 52,5% del 2017. Salgono in modo deciso (+1,9%) anche gli occupati sopra i 55 anni, passati dal 50,3% al 52,2%, con differenze significative tra uomini (62,8% nel 2017) e donne (42,3%). Queste ultime segnano ancora una volta una crescita più decisa rispetto alla controparte maschile (+2,6% annuo contro l'1,1%).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali