FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lavoro, in un anno persi 800mila posti

Il colpo di grazia in settori come turismo e commercio è arrivato con la pandemia da coronavirus. Ha retto lʼindustria: il report della Fondazione studi consulenti del lavoro sulla base dei dati Istat

L'effetto della pandemia sul mondo del lavoro è "fortemente differenziato a livello settoriale, esponendo alcune attività produttive a una crisi senza precedenti", mentre altre cercano di "resistere, aiutate anche dal blocco dei licenziamenti, che già a fine anno potrebbe portare a un saldo occupazionale ben diverso da quello di giugno". In base ai dati Istat del mese di settembre, si è appreso che nel II trimestre dell'anno c'è stata la perdita di 841.000 posti rispetto al 2019. Per la Fondazione studi consulenti del lavoro l'industria è il comparto che ha retto meglio, con un calo di "soli" 10.000 occupati. Malissimo turismo e commercio.

La crisi del turismo - Il conto più salato della crisi Covid lo paga il turismo: la perdita occupazionale da giugno 2019 allo stesso mese del 2020 è di "246.000 unità, di cui 158.000 nei servizi di ristorazione e 88.000 negli alloggi", a fronte del generale crollo nel mercato del lavoro italiano di 841.000 posti (-3,6%). Questi i numeri della Fondazione studi consulenti del lavoro sulla base dei dati Istat.

 

Commercio ko - In affanno, si legge nel rapporto, anche "il commercio all'ingrosso e al dettaglio (-191.000 unità) ed i servizi alle imprese (-103.000 occupati)", legati alla chiusura di molte attività durante il lockdown e al ricorso allo smart working dall'avvio dell'emergenza Coronavirus.

 

Chi scende e chi sale - Se si stila una classifica, c'è chi scende e c'è chi sale: tra i settori dell'economia dei servizi in maggiore difficoltà, scrivono i professionisti, ci sono, dopo i servizi ricettivi (-28,3%), le attività di ricerca, selezione e fornitura di personale (-18,6%), le attività domestiche (-16,7%), quelle amministrative e di supporto alle imprese (-15,7%), il noleggio e leasing (-15,2%), la produzione cinematografica (-14,9%) e la ristorazione (-13%).

 

Percentuali positive, invece, per la filiera legata alle tecnologie e al digitale, come la riparazione di computer (+8,2%) e la fabbricazione di pc e prodotti dell'elettronica (8,2%), la programmazione e consulenza informatica (+3,9%), comparti che hanno beneficiato dell'ampio ricorso alle tecnologie nei mesi più duri della pandemia, in cui una fetta consistente di persone (lavoratori e studenti, in primis) ha svolto le proprie mansioni senza uscire di casa. Ed utilizzando molto più che in passato il computer e lo smartphone.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali