FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Istat: cresce il benessere, ma peggiorano le relazioni sociali

Il rapporto Bes 2018 prende in considerazione 12 indicatori che vanno dalla salute allʼistruzione, dalla tutela dellʼambiente alla fiducia nella politica e nelle istituzioni

Istat: cresce il benessere, ma peggiorano le relazioni sociali

Migliora il benessere in Italia, ma non la fiducia nelle relazioni sociali, nella politica e nelle istituzioni pubbliche. E' lo scenario delineato dall'Istat, che nel rapporto Bes 2018 analizza una serie di indicatori che vanno dalla salute al lavoro, dalla tutela dell'ambiente e del paesaggio al benessere economico. La maggior parte dei parametri registra valutazioni positive, compresi gli ambiti dell'istruzione e della sicurezza personale.

Nell'ultimo anno, quasi il 40% dei 12 indicatori mostrano una variazione positiva sull'anno precedente (43 su 110), mentre ammontano al 31,8% i parametri in peggioramento e al 29,1% del totale quelli che rimangono sostanzialmente stabili. I domini che esprimono la maggiore diffusione degli andamenti positivi sono "innovazione, ricerca e creatività" (86% di indicatori con variazione positiva), "benessere economico" (80%) e "lavoro e conciliazione dei tempi di vita" (67%). Il dominio "relazioni sociali", con oltre un terzo degli indicatori in peggioramento, è quello che mostra l'andamento più problematico nel breve periodo.

Italiani insoddisfatti - Tuttavia, dopo il sensibile miglioramento osservato nel 2016, la soddisfazione per la propria vita presenta una nuova flessione nel 2017. Sono meno soddisfatte le donne (38,6% contro 40,6% degli uomini) e gli anziani (33,9% delle persone di 75 anni e più, 52,8% tra i 14 e i 19 anni).

Cala la fiducia nei partiti, "bocciati" con una media di voto a 2,4 - Secondo l'istituto di statistica, la fiducia che i cittadini ripongono nei partiti politici in Italia cala a una media di 2,4 su dieci nel 2017. Poco più alta è la fiducia nel Parlamento (a 3,4) e sistema giudiziario (4,2). Sono valutate in maniera più positiva le istituzioni che svolgono attività di vigilanza, di soccorso e di difesa civile, come le forze dell'ordine e i vigili del fuoco (7,3).

Partecipazione politica al minimo - Tocca "un nuovo minimo" la partecipazione politica degli italiani nel 2017. Il 59,4% del campione, secondo il rapporto Bes 2018, afferma di "parlare di politica, informarsi e partecipare online" (il 3,4% in meno rispetto al 2016). Si tratta del valore più basso dal 2011. Rimane stabile solo la partecipazione attraverso il web all'11,5%, mentre diminuisce "sensibilmente" la quota di persone che, almeno una volta alla settimana, parlano di politica (dal 36,7% al 33,4%) e si informano (dal 58,2% al 54,1%).

Cresce l'abbandono scolastico, Neet un giovane su 4 - Nel 2017 i ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano, i cosiddetti Neet, sono quasi uno su quattro (il 24,1% del totale), stabili rispetto all'anno precedente. Aumentano inoltre le uscite precoci dal sistema scolastico per la prima volta dopo dieci anni di ininterrotta diminuzione. Nel 2017 i giovani tra i 18 e i 24 anni con la licenza media, che non sono inseriti in un percorso di istruzione o formazione, sono il 14% (erano il 13,8% nel 2016).

Il reddito disponibile recupera il livello del 2010 - Sempre nel 2017 torna ai livelli del 2010-2011 il reddito aggiustato lordo delle famiglie, che ammonta a 21.804 euro espresso in parità del potere d'acquisto. Un valore che risulta inferiore dell'1,7% alla media europea e del 7,8% alla media dell'area euro. Peggiora però l'incidenza di povertà assoluta, basata sulla spesa per consumi, che riguarda il 6,9% delle famiglie (da 6,3% nel 2016) e l'8,4% degli individui (da 7,9%).

I livelli di occupazione dei 20-64enni (62,3%) aumentano, ma a un ritmo più lento rispetto alla media europea (72,2%), con un divario più ampio per le donne. Le condizioni del Mezzogiorno rimangono comunque difficili: in Sicilia la quota di mancata partecipazione al mercato del lavoro raggiunge il 40,8%, un valore dieci volte maggiore rispetto a quello registrato nella Provincia autonoma di Bolzano.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali