FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Povertà, lʼUe: Italia al top per numero di persone a rischio

Il nostro Paese al quinto posto in quanto a percentuale di cittadini in difficoltà sul totale della popolazione

Povertà, l'Ue: Italia al top per numero di persone a rischio

L'Italia è il Paese europeo con il più alto numero di persone a rischio povertà ed esclusione sociale: 17,4 milioni nel 2017, pari al 28,9% della popolazione. Lo rileva Eurostat. Rispetto al 2008, dopo la Grecia è il Paese con l'aumento maggiore di rischio (+3,4%). Se si guarda invece alla percentuale delle persone a rischio rispetto alla popolazione, l'Italia è quinta dietro Bulgaria (38,9%), Romania (35,7%), Grecia (34,8%) e Lituania (29,6%).

E poiché nel nostro Paese il rischio di povertà ed esclusione sociale è aumentato, l'Italia, secondo il rapporto Eurostat, è in controtendenza rispetto alla media Ue, dove è salito dal 2009 al picco del 2012 (25%), per poi scendere costantemente fino ad oggi. Nel 2008 nella Ue il rischio riguardava il 23,7% della popolazione, e nel 2017 è sceso al 22,5%.

La stessa situazione, cioè l'incremento del rischio, si registra comunque anche in Grecia(+6,7%), Spagna (+2,8%), Olanda (+2,1%), Cipro (+1,9%) ed Estonia (+1,6%). I cali maggiori invece vengono rilevati in Polonia (dal 30,5% al 19,5%, -11%), Romania (-8,5), Lettonia (-6) e Bulgaria (-5,9). Malgrado le diminuzioni, però, Bulgaria e Romania sono rimaste al top nella Ue per la percentuale di persone a rischio poverà nel 2017. In generale, i Paesi dove il rischio è più basso sono Repubblica Ceca (12,2%), Finlandia (15,7%), Slovacchia (16,3%), Olanda (17%), Slovenia e Francia (17,1%) e Danimarca (17,2%).

Per definire il rischio di povertà, Eurostat considera l'esistenza di almeno una delle seguenti condizioni: percepire un assegno sociale, essere gravemente privato di condizioni materiali o vivere in famiglie dove è molto bassa l'intensità di lavoro.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali