FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Decreto Dignità, lʼallarme di Assolavoro: 53mila persone a casa da gennaio

Eʼ la "stima prudenziale" dellʼeffetto della circolare del Ministero che ha considerato compresi nelle nuove misure anche i lavoratori con contratti stipulati prima dellʼentrata in vigore della legge

Decreto Dignità, l'allarme di Assolavoro: 53mila persone a casa da gennaio

Dal 1° gennaio 2019 non potranno essere riavviate al lavoro circa 53mila persone che avranno raggiunto i 24 mesi di limite massimo per un impiego a tempo determinato. Il dato è di Assolavoro che parla di una "stima prudenziale" dell'effetto della circolare del Ministero del 31 ottobre che ha considerato compresi nelle nuove misure anche i lavoratori con contratti stipulati prima dell'entrata in vigore della legge di conversione del Decreto Dignità.

"Si tratta - si legge in una nota dell'Associazione delle agenzie per il lavoro - di una stima prudenziale, approssimata per difetto, elaborata da Assolavoro, con una proiezione sull'intero settore dei dati rilevati dagli operatori associati (circa l'85% del mercato)".

"Correggere il tiro per i lavoratori" - Assolavoro evidenzia che "nonostante le ripetute manifestazioni di disponibilità non c'è stato ancora nessun riscontro in generale e in particolare sull'interpello relativo alla circolare numero 17 del 31 ottobre 2018". L'Associazione ribadisce quindi la necessità di "correggere il tiro" a tutela dei lavoratori.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali