FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dal primo luglio stop ai pagamenti in contanti oltre i 2mila euro

La misura prevista dal decreto fiscale per contrastare evasione e lavoro sommerso, che vale in Italia almeno 210 miliardi di euro. Dal 2022 il limite scenderà a mille euro

Con il primo luglio scatta la nuova stretta ai pagamenti in contanti. come previsto dal decreto fiscale. Il tetto scende da 3mila a 2mila euro con l'obiettivo di contrastare l'evasione fiscale, il lavoro nero e il riciclaggio di denaro. Per importi oltre i 2mila euro infatti diventa obbligatorio usare un mezzo di pagamento tracciato, dall'assegno al bonifico, a bancomat e carte di credito. 

Tracciare per controllare - Istituendo l'obbligo dei pagamenti tracciati, dovrebbe essere più facile per il Fisco tenere sotto controllo il flusso di denaro e quindi frenare il fenomeno dell'evasione, in particolare nel lavoro nero dove il pagamento in contanti è la norma.

 

Prestiti e donazioni - Usare i contanti per cifre oltre i 2mila euro è vietato anche per prestiti e donazioni, che dovranno essere tracciabili sempre per ragioni fiscali: per importi consistenti infatti è necessario che il fisco sia a conoscenza dei trasferimenti di denaro da un soggetto all'altro. E' questo soprattutto il caso del prestito o del regalo in denaro dei genitori ai figli: dal primo luglio anche questi trasferimenti andranno tracciati.

 

Nuova soglia per pagare in contanti, ma gli italiani restano affezionati al cash

 

Frazionamenti - La normativa non potrà essere aggirata frazionando l'importo complessivo in più tranches, inferiori ai 2mila euro. Non sarà consentito nessun frazionamento, a parte qualche eccezione: si potrà applicare infatti il pagamento dilazionato, come anche il pagamento rateale. 

 

Nuovi obblighi per i professionisti - Dal primo luglio scatta anche l'obbligo per i professionisti di accettare pagamenti con pos e carta di credito. Il decreto fiscale prevede però un credito d'imposta pari al 30% delle commissioni sui pagamenti con carta e sulle transazioni effettuate mediante altri strumenti tracciabili per i professionisti con ricavi fino a 400mila euro l'anno. 

 

Sanzioni - Chi viola le disposizioni fino ai 250mila euro incorrerà in una sanzione tra i 2mila e i 5mila euro. Ma per i professionisti obbligati a segnalare la soglia fissata ai fini antiriciclaggio la sanzione sale a 3mila-15mila euro. Per somme oltre i 250mila euro la sanzione va dai 15mila ai 250mila euro, mentre per i professionisti resta a 3mila-15mila euro.  

 

Nel 2022 il limite scenderà a mille euro - La riduzione della soglia di contante a 2mila euro è il primo passo di un percorso, per arrivare a portare il tetto a mille euro: tale limite scatterà dal primo gennaio 2022, ritornando così a quanto previsto dalle normative nel 2011.  Nel loro report "L'uso del contante in Italia tra necessità e abitudini", i consulenti del lavoro fanno notare però che in quell'anno l'economia irregolare nonostante i limiti ai contanti risultava pari a 202 miliardi di euro, valore che tocca i 210 miliardi nel 2017. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali