FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid, lo chef Filippo La Mantia a Tgcom24: "Ho chiuso il mio ristorante, tutte le misure sono state inutili"

Il 31 gennaio il ristoratore siciliano ha chiuso il suo locale in centro a Milano: "Lʼazienda andava bene, ma le spese sono diventate insostenibili senza eventi"

Serrande definitivamente abbassate dal 31 gennaio in piazza Risorgimento a Milano. Lo chef siciliano Filippo La Mantia ha chiuso il suo ristorante a causa del Covid. "Tutte le chiusure, le riaperture, le restrizioni, le messe in sicurezza, i centinaia di migliaia di euro spesi per sanificazione, distanziamento non sono serviti a niente", racconta a Tgcom24. "Ho dovuto chiudere un'azienda di 45 dipendenti in duemila metri quadrati, che andava bene fino a febbraio 2020 e che aveva avuto una buona riapertura, perché le spese sono diventate insostenibili senza più eventi", ha spiegato.

La Mantia, 60 anni, dunque, si è arreso al Covid e ha chiuso il suo ristorante. Non poteva più supportare i costi elevati, racconta a Tgcom24, che "fino a febbraio 2020 erano in linea con il lavoro", ma "senza eventi e attività impossibile garantire a un'azienda così grande di vivere, mancando un reddito importante".

 

Coronavirus, primo weekend di bar e ristoranti riaperti a Milano e Torino

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali