FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, all'Inps quasi 2 milioni di domande per 4,4 milioni di lavoratori 

Sono 1,66 milioni le richieste di indennità di 600 euro dai lavoratori autonomi mentre per la cassa integrazione ordinaria sono arrivate 86.140 domande per 1.661.200 beneficiari

Sono quasi due milioni (1.996.670), per circa 4,44 milioni di lavoratori, le domande arrivate all'Inps per le misure del decreto Cura Italia sull'emergenza coronavirus. Sono 1,66 milioni le richieste di indennità di 600 euro dai lavoratori autonomi mentre per la cassa integrazione ordinaria sono arrivate 86.140 domande per 1.661.200 beneficiari (1.337.700 pagamenti a conguaglio e 323.500 pagamenti diretti).

Sono arrivate inoltre 54.000 domande di assegno ordinario per 931.700 beneficiari, 181.683 di congedo parentale e 14.047 di bonus baby sitting.

 

Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, ha sottolineato che il sito "è comunque riuscito a rimanere in piedi" nonostante la mole di dati. Il presidente dell'Inps "ha già spiegato che il sito ha subito diversi attacchi e per questo è stato messo in sicurezza per alcune ore", ha aggiunto.

 

Sito in tilt, Garante della Privacy avvia istruttoria Il Garante per la Privacy ha avviato un'istruttoria sulla violazione dei dati personali legata alla "falla" che si è aperta mercoledì nel sito dell'Inps, "allo scopo di effettuare opportune verifiche e valutare l'adeguatezza delle contromisure adottate dall'ente e gli interventi necessari a tutelare i diritti e le libertà degli interessati". L'Autorità ha sottolineato anche l'"assoluta necessità che chiunque sia venuto a conoscenza di dati personali altrui non li utilizzi ed eviti di comunicarli a terzi o diffonderli, ad esempio sui canali social".

 

Inps, falla nel sistema: inserendo i propri dati appaiono quelli di altri

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali