FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Classe media in crisi: dal 2008 persi 2.350 euro di reddito

I dati confermano uno studio dellʼOcse: negli ultimi 30 anni, in quasi tutti i Paesi industrializzati, sono state le famiglie a reddito medio a soffrire di più

Classe media in crisi: dal 2008 persi 2.350 euro di reddito

Quasi 12,2 milioni di italiani, con un reddito da 15 a 26mila euro, hanno perso il 10,4%, in dieci anni, in potere d'acquisto. In pratica, dal 2008 al 2018, per i redditi c'è stata una riduzione di 2.350 euro all'anno. E' la fotografia elaborata dal Sole 24 Ore sulla crisi della classe media. I dati confermano uno studio Ocse: negli ultimi 30 anni, nei Paesi industrializzati, a soffrire particolarmente sono state le famiglie a reddito medio.

Nel nostro Paese si considera "classe media" anche chi arriva a poco oltre i 42mila euro. Nonostante l'allargamento delle "maglie" statistiche, la tendenza negativa rimane: dai 26 ai 55mila euro di reddito annuo, infatti, i dati registrano un calo decennale dell'11,7%. Lo scaglione fino a 15mila euro ha perso 3,3 milioni di dichiaranti, molti dei quali sono finiti però in un'area che include la disoccupazione o il lavoro in nero.

L'analisi però non tiene conto dell'economia sommersa e delle differenze tra Nord e Sud, dove la classe media ricade nella metà più ricca della popolazione. Al Centro e al Nord, invece, il cento medio tende a spostarsi verso il basso. Tra i grandi Paesi, rileva l'Ocse, l'unica eccezione è rappresentata dalla Francia, dove la classe media è aumentata: +4,2%. Al contrario dell'Italia e anche della Germania che registrano rispettivamente un calo del 3,9% e del 5,8%.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali