FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Villa del Balbianello: arte che si fonde con la natura

A Como c'è un luogo unico, in cui gli scorci naturali del lago si intrecciano perfettamente all'architettura: un esempio di equilibrio tra uomo e ambiente

Pixabay

Arte, cultura, natura: il

patrimonio italiano

è immenso e preziosissimo. Così prezioso da essere anche fragile. Per questo c’è chi sceglie di dedicare le sue attenzioni a custodirlo e proteggerlo, come il

FAI

.


Il

Fondo Ambiente Italiano

lavora da sempre per diffondere una più ampia cultura della natura e lo fa aprendo al pubblico le porte dei beni che conserva. Quest’anno uno di questi appuntamenti ha compiuto

trent’anni

: le

Giornate FAI di Primavera

. Un’occasione diventata ormai tradizione per i milioni di visitatori che in questi anni hanno riscoperto la bellezza dell’Italia, tra palazzi storici, parchi, orti botanici e splendidi giardini.


Spazi verdi che lasciano a bocca aperta, proprio come

Villa del Balbianello

. Una cornice unica, in uno dei laghi più celebri al mondo. Qui

gli scorci naturali del lago di Como si fondono con l’arte

e la cultura. Un luogo magico, incastonato sull’unica penisola che si protende in mezzo al lago. Un perfetto esempio di

equilibrio tra uomo e ambiente

.


Pixabay


Il fascino dei suoi

terrazzi e giardini

è sempre stato messo in risalto dai proprietari della Villa. Una cura delle piante artificiosa, certo, ma che ha saputo

fondersi perfettamente con la natura

circostante e con le sue forme sinuose. Ne sono un esempio la pianta che avvolge le colonne della loggia superiore e che sembra quasi replicare le spire di un serpente. Oppure il curioso leccio potato a ombrello che si affaccia sul lago. Disegni che stupiscono, viali fiancheggiati da alberi che si alternano a statue, terrazze che sembrano tuffarsi nel lago. La Villa svetta nel panorama come una piccola ma maestosa isola,

circondata dall’acqua su tre lati

.


L’ultimo restauro del complesso è stato voluto dal proprietario che decise poi di donare la Villa al FAI:

Guido Monzino

, grande appassionato di montagna e di spedizioni.  


Guido Monzino restaurò la Villa del Balbianello alla perfezione, curando ogni dettaglio. Questo perché voleva che conservasse come uno scrigno

tutti i cimeli e i ricordi delle due imprese

, dal Polo Nord all’Everest. La sua ultima grande avventura fu proprio la Villa, che volle donare al FAI per poter lasciare ai posteri i suoi valori più preziosi. Come del resto fa da sempre il Fondo Ambiente Italiano, che protegge e custodisce i tesori e i paesaggi del nostro Paese per

poterli consegnare intatti a chi verrà dopo di noi

.


La Villa è un esempio di come l’uomo sappia dare sfoggio della propria arte

senza compromettere la natura

. Ma anche un messaggio di speranza, quello lanciato dal FAI e da iniziative come le Giornate di Primavera: lasciare il patrimonio paesaggistico italiano alle generazioni future è possibile, ma

solo se la sua bellezza viene custodita nel presente

.

 



Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali