FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il riscaldamento globale raccontato dal ghiaccio

Una spedizione alle isole Svalbard ha raccolto dei campioni di ghiaccio per comprendere meglio il fenomeno dell’amplificazione artica, ovvero i motivi per i quali queste zone si riscaldano molto più velocemente rispetto al resto del pianeta

Il riscaldamento globale raccontato dal ghiaccio - foto 1
Facebook

Una campagna di ricerche condotta su uno dei ghiacciai più estesi ed elevati dell’arcipelago delle Svalbard, le isole del Mar Glaciale Artico a nord della Norvegia.

La spedizione del progetto Sentinel, nell’ambito della fondazione Ice Memory, ha il CNR, l’Università Ca’ Foscari di Venezia e l'Università degli Studi di Perugia tra i fondatori, e nonostante le difficoltà e le tempeste di neve si è chiusa dopo 23 giorni con un altro successo scientifico. Sono stati raccolti dei campioni di ghiaccio per comprendere meglio il fenomeno dell’amplificazione artica, ovvero i motivi per i quali queste zone si riscaldano molto più velocemente rispetto al resto del pianeta.

 

Il riscaldamento globale raccontato dal ghiaccio - foto 2
Facebook

Come ha spiegato Andrea Spolaor, Ricercatore CNR-Istituto di Scienze Polari: “Se la media del riscaldamento globale è di circa 1-1,5°C ogni decade, alle Svalbard il riscaldamento è di circa 3-4°C. Quindi molto molto più veloce rispetto alla media globale. Questo porta a una serie di complicazioni, tra cui l’aumento di pioggia durante il periodo invernale e intromissioni di massa di aria calda sempre più repentine e sempre più frequenti. Tutta una serie di processi che stanno modificando l’ambiente stesso. Tra cui, ad esempio, anche la fusione del permafrost”.

 

Il riscaldamento globale raccontato dal ghiaccio - foto 3
Facebook

Studiare l’Artico è ormai una necessità, considerando che è una delle regioni che cambia più velocemente a livello globale. E ciò che avviene qui è fortemente legato a quello che accade alle medie latitudini. Un primo campione di ghiaccio prelevato dalla terra più settentrionale d’Europa è stato analizzato per la scienza di oggi.

Un secondo per le generazioni future, garantendo cioè un archivio prezioso, giacché i ghiacciai delle Svalbard sono seriamente minacciati dal cambiamento climatico, come dimostra l’allarmante ritrovamento di cui ci ha raccontato Jacopo Gabrieli, Ricercatore CNR-Istituto di Scienze Polari: “A 124 metri di profondità ci siamo ritrovati in una situazione anomala, che è quella di avere in un ghiacciaio la presenza di acqua liquida. Questo significa che tutta l’area circostante fonde in maniera molto consistente durante il periodo estivo, l’acqua liquida inizia a percolare attraverso gli strati di neve e di firn fino ad arrivare al ghiaccio e qui si accumula. Dopodiché inizia a scorrere sotto il ghiaccio verso il fiordo, quindi verso valle. A questa quota di certo non pensavamo di poter trovare acqua liquida in questo ghiacciaio”. 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali