FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il disastro ambientale di Osborne Reef

A Fort Lauderdale, in Florida, il cimitero subacqueo di pneumatici sul fondale dell’Oceano. Ora l’associazione 4Ocean ha iniziato una grossa operazione di rimozione

4Ocean: l'operazione di rimozione degli pneumatici di Osborne Reef  

Dagli anni '70 a Fort Lauderdale, in Florida, sul fondale dell'Oceano si trova un cimitero subacqueo di pneumatici. Il progetto, chiamato Osborne Reef, aveva come obiettivo quello di creare la barriera corallina artificiale più lunga del mondo, ma si è presto trasformato in un vero e proprio disastro ambientale. Ora, 4Ocean, un’associazione di volontari che da anni ha come obiettivo quello di ripulire gli oceani dalla plastica, ha iniziato dei grossi lavori di rimozione degli pneumatici.

Leggi Tutto Leggi Meno

Negli anni ’70 dall’idea di un’associazione no profit di pescatori, al largo di Sunrise Boulevard a Fort Lauderdale

in Florida

, vennero scaricati nell’oceano oltre 2 milioni di pneumatici nel

tentativo di creare la barriera corallina artificiale più lunga del mondo

. Si credeva che la “barriera” avrebbe incoraggiato la crescita di nuovi coralli, attirato pesci di grossa taglia, migliorato la biodiversità locale e avvantaggiato così l'economia locale. Per creare il substrato gli pneumatici vennero legati insieme con dei ganci in acciaio e delle cinghie di nylon.


Sito ufficiale

Tuttavia il progetto, conosciuto come

Osborne Reef

, si è presto trasformato in un vero e proprio

disastro ambientale

. Nel corso degli anni, infatti, l'acqua salata ha corroso le cinghie che tenevano insieme le gomme e gli pneumatici si sono dispersi lungo la costa spinti dalle forti correnti tropicali e degli uragani, danneggiando così ulteriormente il già fragile ecosistema marino della zona. Dal 2007 sono stati effettuati numerosi lavori di rimozione dei copertoni da parte dell’esercito statunitense. Le operazioni di bonifica dei fondali però sono molto complicate e dispendiose. Dal 2009 ad oggi sono stati recuperati solo 73 mila pneumatici. Dei 2 milioni originari, 700 mila si trovano ancora sulla costa di Fort Lauderdale mentre gli altri sono migrati lontano dall'area principale e sono stati individuati addirittura lungo tutta la costa americana.


Sito ufficiale


Ora,

4Ocean

, un’associazione di volontari che da anni ha come obiettivo quello di ripulire gli oceani dalla plastica, ha iniziato dei grossi lavori di rimozione degli pneumatici in un’area di circa 34 acri di fondale marino a nord del sito originale. “Ogni pneumatico recuperato dal nostro team d'immersioni pesa tra le 40 e le 50 libbre, deve essere strappato dalla sabbia e infilato su un cavo metallico di 6 piedi attaccato a una borsa di sollevamento. Una borsa di sollevamento può portare in superficie tre pneumatici alla volta. I nostri sub devono quindi trasportare la borsa di sollevamento, il cavo e le gomme, che insieme pesano circa 150 libbre, fuori dall'acqua e sulla nostra imbarcazione” si legge sul loro

sito ufficiale www.4ocean.com.


Per 4Ocean l’obiettivo successivo alla rimozione sarà la collaborazione con un'organizzazione che riciclerà gli pneumatici su vasta scala in modo da trasformare questo materiale di scarto in nuovi prodotti.


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali