FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Post-Covid: 7 Italiani su 10 hanno nuove paure

Oltre 30 milioni di persone dichiarano di nutrire timori che non avevano prima della pandemia

Istockphoto

In primo luogo, gli assembramenti e il timore di incontrare nuove persone. Seguono i mezzi pubblici e in generale le occasioni di spostamento, vacanze comprese: non fanno eccezione neppure i ristoranti. Sono le nuove paure degli italiani dell’era post-Covid: la pandemia, infatti, ha inciso profondamente sull’economia del Paese e sulle capacità di spesa delle famiglie, ma anche sui comportamenti e sul benessere delle persone. Sono oltre 7 su 10, pari a oltre 30,7 milioni di italiani, le persone che hanno dichiarato di aver sviluppato paure che non avevano prima della pandemia. 

Su questo argomento, gli istituti di ricerca mUp Research e Norstat hanno realizzato un’indagine per conto di Facile.it su un campione rappresentativo della popolazione nazionale adulta in età compresa fra 18 e 74 anni residente sull’intero territorio nazionale.  
Grazie alla campagna vaccinale e al miglioramento della situazione epidemiologica, è in corso un progressivo allentamento delle restrizioni imposte per contenere i contagi, con una crescente  possibilità di spostarsi sempre più liberamente. Analizzando i dati dell’indagine, tuttavia, è emerso che quasi la metà degli italiani (47,1%, vale a dire più di 20,6 milioni di individui) ha ammesso di aver paura degli assembramenti; la percentuale raggiunge addirittura il 67% tra i rispondenti appartenenti alla fascia 65-69 anni.


Sono numerosi, circa 7,8 milioni, anche coloro i quali hanno dichiarato di aver paura di incontrare altre persone anche se si tratta di amici, familiari o conoscenti; a sorpresa, i più timorosi risultano essere i giovani con un’età compresa tra i 18 e i 24 anni (23,2% vs 17,8% nazionale), probabilmente preoccupati dalla possibilità di infettare parenti anziani come i nonni. 


Più di 1 italiano su 3 (36,3%, 15,8 milioni), invece, ha ammesso di aver paura di salire sui mezzi pubblici, mentre più di 9 milioni e mezzo di italiani si dichiarano timorosi per quanto riguarda la possibilità di viaggiare tanto che, dei 6,5 milioni di italiani che non andranno in vacanza, 2 milioni hanno rinunciato proprio a causa della paura del contagio.
Infine, quasi 8 milioni di intervistati (18,2%) hanno paura di andare al ristorante; la percentuale sale fino al 27,4% tra coloro che hanno 55-64 anni, mentre scende all’8,1% fra i giovani appartenenti alla fascia anagrafica 18-24 anni.

 

Per tutelarsi dalle incognite legate allo scoppio della pandemia, sono molti gli italiani che, nel corso dell’ultimo anno, hanno deciso di stipulare una copertura assicurativa; nello specifico, più di 4 milioni di individui hanno dichiarato di aver sottoscritto o rinnovato una polizza vita e tra questi, oltre 750.000 rispondenti lo hanno fatto per la prima volta in assoluto. Più di mezzo milione (546.038, 3,1%), invece, gli intervistati che non avevano mai sottoscritto una polizza infortuni/sanitaria/malattia e che l’hanno fatto per la prima volta nel corso dell’ultimo anno; tra i rispondenti con un’età compresa fra i 70 e i 74 anni il valore risulta essere addirittura il doppio (6,8%).  Pochi meno, vale a dire oltre 520 mila, infine, gli individui che hanno stipulato una copertura assicurativa sanitaria specifica per il Covid.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali