FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Come avere un approccio zen agli imprevisti in famiglia

Se le circostanze sono avverse, gli impegni pressanti e le lamentele non si contano: non perdere la calma. Scopri le strategie per sopravvivere

Come avere un approccio zen agli imprevisti in famiglia

Non è necessario che i problemi siano gravi per sentirsi sopraffare dall'ansia e dal nervosismo. In famiglia possono bastare una litigata, un muso lungo o un elettrodomestico rotto per far precipitare la situazione, l'importante, in questi casi, è dare voce alla parte più zen che si nasconde dentro di noi. Una risata inaspettata, la meditazione, uscire per una passeggiata... sono tutti modi per evitare le urla e superare gli ostacoli insieme con serenità.

Primo passo, se puoi ridici sopra - Non sempre si può ridere degli imprevisti, quando però il problema non è eccessivamente drammatico ci si dovrebbe almeno provare. Per capire quanto si possa smorzare la tensione con un sorriso, anche senza apparente motivo, è sufficiente pensare a come ci si senta bene dopo essersi fatti una sonora risata. I muscoli del volto si rilassano, chi è vicino a noi viene contagiato dal buonumore e l'imprevisto assume tutta un'altra dimensione. Come spiegano i principi dello yoga della risata, si può iniziare a ridere anche in modo "meccanico", il cervello riceverà stimoli che scateneranno poi una reazione di divertimento spontanea. Provare per credere.

Secondo passo, dividere i compiti - Quando si presenta un imprevisto in famiglia è importante far scattare subito la condivisione. Parlarne immediatamente con il partner, e con i figli se sono sufficientemente grandi, è la prima mossa per gestire al meglio i problemi. Va assolutamente evitata, infatti, la situazione in cui è un solo membro del nucleo familiare a farsi carico di tutte le problematiche. Se le menti (e le spalle) sono tante, gli imprevisti si fanno piccoli piccoli.

Terzo passo, un problema per volta - Di solito, quando accade qualcosa di inaspettato (e di spiacevole) sembra che tutte le altre circostanze seguano negativamente a ruota. Potrebbe essere davvero così oppure, più probabilmente, potrebbe trattarsi di una suggestione o un atteggiamento sbagliato. In ogni caso, se gli imprevisti si accumulano, la soluzione è non guardarli tutti insieme. Se si osservano i problemi come una "matassa unica", la sensazione prevalente è, infatti, quella di disfatta a cui seguiranno reazioni nervose e incontrollate. Gli ostacoli, invece, vanno affrontati uno a uno. Risolto un problema, si passa quindi al successivo.

Quarto passo, disegnare uno schema - Mai provato a mettere nero su bianco le problematiche familiari e a rileggerle con calma? Spesso, una volta scritti o disegnati, gli imprevisti sembrano più piccoli e semplici da affrontare e gestire. Imparare dai bambini è l'idea vincente: mappe concettuali e semplici schemi smorzano la tensione e portano alla soluzione migliore.

Quinto passo, prepararsi un piano B - Ci sono situazioni ad alto rischio di inceppamenti e ostacoli: "incastri" pomeridiani degli impegni scolastici e sportivi dei figli, improvvise riunioni di lavoro, parenti che chiedono aiuto... Per tutti questi casi-tipo è importante avere un piano B: un'amica da avvertire all'ultimo minuto, la vicina di casa disponibile, la baby-sitter reperibile anche nel weekend, l'idraulico che risponde sempre al telefono. Un'idea vincente è annotare le proprie "ancore di salvataggio" in agenda, insieme a numeri di telefono e agli indirizzi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali