FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Marzo per agnelli", lʼatteso ritorno in libreria di Mimmo Gangemi

Nuova indagine per Giorgio Marro nel momento in cui il destino mette alla prova la sua famiglia

"Marzo per agnelli", l'atteso ritorno in libreria di Mimmo Gangemi

Ognuno ha con il destino un appuntamento che non è in grado di dirottare. Quello di Giorgio Marro, brillante avvocato penalista, si è compiuto nel momento in cui un dramma ha colpito la sua famiglia in diversi modi, tutti disastrosi: il figlio piccolo ora in un’immagine sorridente da una lapide, il maggiore in sospensione tra un inganno di vita e la morte che se la prende comoda, sbeffeggia anche, la moglie in un delirio doloroso che l’ha indotta a scendere dal mondo, lui impaziente che si consumi la caduta interminabile e giunga il tonfo. Mentre annaspa tra limacciosi pensieri di distruzione, Giorgio intravede i bagliori di una battaglia che è disposto a combattere solo chi non ha più niente da perdere, solo chi, dopo aver vissuto con le spalle voltate a non vedere, può smettere di avere paura.

C’è la ’ndrangheta dietro la pressante richiesta di acquistare un suo terreno a picco sul mare dello Stretto, brullo e arso dal sole, e che non vale nulla; c’è la ’ndrangheta dietro la scomparsa di due malavitosi, padre e figlio, che lui è stato l’ultimo a vedere vivi, lassù nella proprietà contesa, e che immagina incappati nella lupara bianca; c’è la ’ndrangheta dietro le prepotenze per convincerlo a vendere. E da quelle parti la ’ndrangheta è zi’ Masi, un capobastone che non sa rinunciare all’antico, la ’ndrangheta sono i Survara, che hanno abbracciato la modernità delittuosa e le nefandezze a essa appiccicate. Marro indaga. Si spinge lontano, fino a disturbare l’avidità feroce, fino a restare ingabbiato nei contrasti tra le due ’ndrine, fino a impattare nella brutalità della violenza criminale, fino a stagliarsi ombra solitaria, lunga di un sole già basso.

Questa la trama di "Marzo per gli agnelli", l'ultimo romanzo di Mimmo Gangemi (Piemme, 304 pagine, euro 17,50), l’attesissimo ritorno in libreria dell’autore de "La signora di Ellis Island" e de "Il giudice meschino", diventato anche serie tv con Luca Zingaretti.

Leggi un estratto del libro:

Zi’ Masi ora pensava a Carmela, gli sarebbe mancata. E ai nipotini. Su tutti, quello lasciato a casa, il più affet­tuoso, il più amato. Lo rivide nell’atto di allungargli il pezzo di cioccolata «per il viaggio». Lo carezzò con la mente. E lo assalì prepotente il desiderio di chiudere l’e­sistenza con un segno di croce. Non poteva. Debolezze dell’animo che tra cristiani non ci si mostrava. Se la com­pose con il pensiero, lenta e solenne. E abbracciò in un unico ricordo i figli lontani. Poi tenne l’accetta a bilan­ciere sul palmo e la sporse verso Cicco, che l’aveva a sua volta. Per una sfida tra uomini. Cicco scosse la testa. «Ai nostri tempi verdi ci chiarivamo petto a petto», zi’ Masi, con un ghigno che sapeva di vittoria. «Ai nostri tempi verdi... Ora è tempo loro», Cicco, mostrando il figlio. Se n’era ferito. Ed ebbe fretta di sbri­garla. Sollevò il fucile. Vide zi’ Masi gonfiare il petto a offrirlo, disperdere nebulosi gli occhi, poi chiuderli, cer­to per imprimersi immagini da portare con sé. Attese che completasse gli addii e, appena zi’ Masi chinò la te­sta a dirsi pronto, sparò. Un unico colpo alla figura. Zi’ Masi rinculò e stramazzò senza un lamento tra le erbe alte che costeggiavano il sentiero. La morte gli con­cesse attimi per scorgere nel cielo del tardo pomeriggio una tenue nuvola bianca, isola nell’azzurro, uno stormo di passeri, le cime dei pini flettersi alla brezza. Davanti al velo degli occhi gli scorsero momenti già vissuti, ingialli­ti: il padre contratto nello sforzo d’aggiungere il suo pe­so e la sua forza per affondare di più l’aratro trascinato dalla pariglia di buoi mentre lui, ragazzino, correva ap­presso scalzo e festoso tra la polvere, la madre che tesse­va di notte con un piccolo lume penzolante da una trec­cia, Carmela giovane, tra i fumenti della cucina a legna nell’atto di cacciarsi indietro, con un colpo stizzoso della mano, il ciuffo ribelle che sfuggiva alla pettinissa e le scendeva sul viso accaldato. Avvertì calore provenire dalla tasca dove Carmela ave­va messo l’immaginetta della Madonna di Polsi. Gli riu­scì di poggiarci sopra le dita. E avvertì l’ingombro del pezzo di cioccolata «per il viaggio». Sfumò lo sguardo e la vita sulla fotografia del saluto vissuto poco più di un’o­ra prima. Digrignò la bocca, tossì, vomitò un canale di sangue, altro gli sbavò in lento rivolo. E se ne andò. Cicco gli chiuse gli occhi spalancati a non vedere più niente.

© 2019 - Mondadori Libri S.p.A., Milano Pubblicato su licenza di Mondadori Libri SpA per il marchio Piemme Copyright © 2019 Mimmo Gangemi Edizione pubblicata in accordo con Piergiorgio Nicolazzini Literary Agency (pnla)

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali