ESPERIENZE DI GUSTO

I migliori panettoni artigianali per il Natale 2023

La meraviglia di gustare un dolce realizzato artigianalmente non ha prezzo: ingredienti selezionati, cura e attenzione ai tempi di preparazione e dettagli curati in ogni minimo particolare. Questa è arte

22 Dic 2023 - 14:57
1 di 33
© ufficio stampa   | Ascolese-panettone© ufficio stampa   | Ascolese-panettone© ufficio stampa   | Ascolese-panettone© ufficio stampa   | Ascolese-panettone

© ufficio stampa | Ascolese-panettone

© ufficio stampa | Ascolese-panettone

Ogni anno sono tanti e diversi: gourmet, tradizionali, farciti, vegani e stellati, i dolci di Natale per eccellenza non possono mancare sulle tavole imbandite per le feste natalizie. Ma quale scegliere? Ecco la nostra selezione di panettoni artigianali, realizzati con maestria da chef, panificatori e pasticceri, per un Natale all’insegna del gusto e della dolcezza.

Iginio Massari Alta Pasticceria

Tra le novità di Natale 2023 realizzate dal Maestro Iginio Massari, ci sono il Panettone senza canditi, il Panettone senza lattosio, il ritorno del Panettone 50esimo Anniversario in edizione limitata, con pepite di cioccolato al caramello e cubetti di mandarino candito, il Panettone Cacao e Cioccolato, con una ricetta rivisitata senza canditi, impasto al cacao, arricchito con panna, miele d'acacia e gocce di cioccolato fondente e al latte, e il Panettone al Pistacchio, un omaggio alla Sicilia con impasto al pistacchio, cubetti di arancia candita e gustosi cremini al pistacchio. Immancabile la preziosa "Edizione speciale limitata", proposta in un'esclusiva confezione da collezione in latta con le creme spalmabili al pistacchio e alla nocciola e lo spalmino personalizzato con la firma del Maestro.

Mazzetti d’Altavilla

Tante le proposte natalizie, due panettoni speciali realizzati in collaborazione con la storica casa cuneese Albertengo: il Panettone alla Grappa Barricata 7.0, soffice specialità pandorata senza uvetta e canditi, ricco di golosa crema alla Grappa 7.0 unita al cioccolato Baratti & Milano, ed il Panettone glassato al Gin Mazzetti, per non rinunciare al classico dolce di natale, portando però in tavola lo “spirito italiano”.

Sant Ambroeus

Due proposte dal tocco chic per la storica pasticceria e ristorante milanese (e newyorkese): il Panettone Classico, per i puristi della tradizione, disponibile anche in versione senza canditi, al Cioccolato fondente per i palati più golosi e gli speciali Marron Glacè, Cioccolato al latte e Albicocca e Pistacchio. Sant Ambroeus, inoltre, sostiene l’iniziativa benefica “Panettone Sospeso”: una raccolta promossa dall’Associazione Panettone Sospeso ETS, che permette di lasciare un panettone da regalare i più bisognosi. Per ogni panettone lasciato, la pasticceria ne aggiungerà uno, raddoppiando così la donazione effettiva.

Chef Bruno Barbieri

La proposta dello chef da 7 Stelle Michelin è il Panettone Tradizionale, grande classico dei dolci natalizi realizzato interamente a mano. Un prodotto artigianale di altissima qualità nato da una preparazione lenta e naturale e dall’attenta selezione delle materie prime. Il profumo delicato degli agrumi canditi e la tradizionale uva sultanina sono i protagonisti di questa ricetta, esaltata da una glassa di zucchero, nocciole e mandorle italiane che dà vita ad un prodotto unico ed inimitabile.

Olivieri 1882

Premiati da Gambero Rosso, la proposta 2023 di panettoni e pandori Olivieri 1882 comprende, oltre all’iconico Panettone Classico, realizzato interamente a mano solo con lievito madre vivo, le novità del Panettone al Limoncello, con impasto arricchito da un’infusione di limoncello ottenuto dai Limoni di Sorrento IGP, e il Panettone OLIVIERI 1882 x Lorenzo Cogo, realizzato in collaborazione con lo chef, farcito con olive candite, cioccolato bianco e rosmarino.

Chef Enrico Marmo, Balzi Rossi

Lo chef del ristorante una Stella Michelin di Ventimiglia (Im) ha messo a punto per Natale la sua personale ricetta del Pandolce Ligure, in collaborazione con il Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia. Si tratta di un dolce lievitato della tradizione regionale che, nella versione dello chef piemontese, si arricchisce di due prodotti molto caratteristici del territorio: le olive candite del Frantoio e le scorze di limone di Riviera. Il lievitato è stato pensato per essere consumato in occasione delle feste, ma anche nella quotidianità, visto l’importante studio fatto per contenere il quantitativo di zuccheri.

Matteo Cunsolo

Profuma di burro, lievito e canditi il panettone del Maestro panificatore Matteo Cunsolo, titolare de La Panetteria di Parabiago (mi), Presidente di Richemont Club Italia e dell’Associazione Panificatori Confcommercio di Milano e Province, ora patron di Pomona, bakery store aperto a Ibiza insieme allo Chef ibizenco David Reartes. Il suo panettone è arrivato sino ad Hong Kong e viene proposto nelle versioni Tradizionale, al Pistacchio e cioccolato bianco, al Cioccolato, al Mandorlato con solo uvetta, al Caffè e nocciole, al Caramello salato, noci pecan e cioccolato fondente e al Gin (Natura Gin), prodotto con erbe provenienti dal parco del Roccolo di Parabiago e cioccolato. Buonissimo e solidale è, infine, il Panettone solidale ai 4 cioccolati (fondente, bianco, al latte e ruby), di cui metà del ricavato viene destinato all’Associazione La Ruota Onlus di Parabiago che si occupa di assistere e sostenere le persone più deboli.

Di Stefano

Il Natale dell’azienda dolciaria siciliana è a base di Panettone Farcito Freschissimo in edizione limitata e il Panettone Da Farcire con la sac à poche inclusa nella confezione, entrambi nei gusti Cioccolato Siciliano e Pistacchio Siciliano. La novità del 2023, invece, è il Panettone Cacao e Agrumi di Sicilia, con impasto nero di cacao e cioccolato e canditi di polpa di arancia e limone. Non manca la Capsule Collection Limited Edition “Abbiamo tutto, manca il resto”, realizzata per il Panettone Magnum dagli artisti Lorenzo Romano e Azzurra Messina e curata da Farm Cultural Park, partner culturale con cui Di Stefano porta avanti una serie di iniziative che accompagneranno Agrigento alla nomina di capitale della cultura 2025. Riproposta anche quest’anno, la latta d’autore “Sicilia Insuperabile” realizzata dall’artista Sandra Virlinzi, in arte Sdrina, in cui personaggi semiseri come San Limone diventano protagonisti di infinite storie dai tratti pop.

Dolzeto

In occasione del primo Natale della nuova pasticceria aperta in zona Isola in cui viene sfornato pandoro tutto l’anno, la patron Sandra Tasca e il pasticcere Giorgio Saccone hanno ideato il Pandoro al Select: il celebre bitter, nato a Venezia nel 1920 e simbolo degli aperitivi per eccellenza, regala nuove sfumature di sapore al lievitato, attraverso piccoli cubetti di gelatina al Select in grado di sprigionare le note del bitter in modo originale. Immancabile il Pandoro Classico, con lievito madre rinfrescato da Giorgio dal 2018 e burro da Asiago dei Fratelli Brazzale.

Pasticceria Filippi

La novità di Natale 2023 della storia pasticceria del vicentino è il Panettone Pesca Candita e Amaretti, con Pesca Castigliana di Saluzzo e frutti canditi interi tagliati a mano bilanciati dalla lieve nota amara dell’amaretto. Ma sono tantissimi i gusti e le referenze compongono la proposta natalizia di Filippi: dal panettone Classico a quello con Crema Gianduia, dal panettone al Caramello salato all’Integrale con frutti rossi, dallo Speciale con Fragoline di bosco e Cioccolato al latte fino agli Speziati.

Cantina Maculan

La cantina di Breganze (Vicenza) presenta la sesta edizione del Panettone al Torcolato, realizzato da pasticceria Filippi di Zané. La fragranza della lievitazione naturale, coniugata con i profumi del vino Torcolato, si tuffa nella ricetta del panettone classico attraverso la bagna con cui viene reidratata l'uvetta sultanina. La lievitazione è rigorosamente naturale, con una preziosa pasta madre rinfrescata di giorno in giorno fin dal 1972. Il panettone è composto da uvetta sultanina australiana 6 corone, latte di montagna consegnato in giornata, uova di galline allevate a terra, miele biologico dei Colli Euganei, Vaniglia del Madagascar. E naturalmente il Torcolato, vino passito prodotto con uva Vespaiola, varietà autoctona delle colline di Breganze.

Pandefrà

Il panettone della panetteria marchigiana di Francesca Casci Ceccacci si fa portavoce di un messaggio importante e mai così attuale: la capacità di dire “NO!” a qualsiasi costrizione fisica, psicologica, sociale. La collezione si chiama “Non Costringermi!” ed il ricavato verrà devoluto all’Associazione “Dalla Parte delle Donne” di Senigallia, una casa gestita da sole volontarie che si prendono cura di donne che hanno subito maltrattamenti fisici e/o psicologici. I gusti proposti sono Tradizionale con glassa alle mandorle e Tre Cioccolati.

Offelleria Perbellini

Il panettone “alternativo” della storica pasticceria di Bovolone (Verona) si chiama Fior d’albicocca: un dolce di Natale artigianale che da un lato sorprende per la sua leggerezza e dall’altro stupisce il palato con sfiziose gocce di marmellata all’albicocca esaltate dalla croccantezza delle mandorle a scaglie. Consigliato in abbinamento a Trento Doc Roeno, un millesimato realizzato da sole uve Chardonnay, dal colore giallo paglierino brillante con riflessi dorati che al naso regala sentori di lievito e mandorla dolce e uno sfumato fondo aromatico.

Pasticceria Martesana

L’estro del Maestro Vincenzo Santoro e l’inconfondibile creatività della maison Moschino si uniscono e realizzano il Panettone d’oro in limited edition, in una veste completamente dorata, avvolta da una glassa al cioccolato Gold, nocciole IGP Piemonte e granella di nocciole. Tra le novità anche il Panettone Bianco, senza uvetta né canditi, Ai Tre Cioccolati, Pistacchio e Cioccolato Bianco e il Tris Agrumi Italiani senza lattosio.

Chef Matteo Sormani

Un panettone che nasce a 1800 metri di altezza nella Walser Schtuba, storica locanda dello chef. Un gioiello artigianale genuino, leggero e altamente digeribile, arricchito dai profumi d’alta quota, nelle versioni Classico, Pera e Cioccolato e Integrale con mele, uvetta e cannella. La versione 2023 si arricchisce di una nuova fragranza, che arriva dalla vicina montagna del Monviso, terra di produzione delle uova biologiche di galline alimentate con lino e canapa in un ambiente ampio e all’aperto, ricche di omega 3.

Etro x Aimo e Nadia

Realizzato in collaborazione con Etro dagli chef Fabio Pisani e Alessandro Negrini dello storico ristorante milanese una Stella Michelin, seguendo la filosofia che da sempre contraddistingue la loro cucina, ovvero il recupero e la valorizzazione di materie prime del territorio. Così nasce la ricetta del Panettone Classico di Aimo e Nadia: la selezione di farine della Basilicata e una lievitazione di 72 ore contribuiscono a dare morbidezza e soffice croccantezza al lievitato, senza tralasciare l’attenzione per la canditura a ridotto contenuto di zuccheri. Presentato in un’elegante scatola in metallo satinato nei colori del blu e dell’oro con decorazioni ispirate ai motivi jacquard delle collezioni Etro.

Essse Caffè e Sebastiano Caridi

L’espresso italiano e il panettone s’incontrano in un esclusivo lievitato, frutto della collaborazione tra la storica Torrefazione bolognese Essse Caffè e il Maestro Pasticcere Sebastiano Caridi: il Panettone al Caffè, prodotto in edizione limitata, impastato con lievito madre, da fermentazione rigorosamente spontanea, espresso all’italiana e arricchito con cubetti di goloso caramello. Imprescindibile il lievito madre, da fermentazione rigorosamente spontanea.

Pasticceria Lorenzetti

Il Maestro Pasticcere AMPI Daniele Lorenzetti propone una serie di lievitati senza conservanti e coloranti, lavorati con un lievito madre del 1960. Il Panettone al Vin Recioto, non alcolico, e il Nadalin, dolce tipico veronese “padre” del pandoro, arricchito da mandorle tostate e pinoli. Non manca anche il classico Pandoro, dalla morbidezza sopraffina data dall’utilizzo di solo lievito naturale vivo e senza lievito di birra.

Pasticceria Tabiano

Si chiama Focaccia la specialità della pasticceria del Maestro Claudio Gatti, rinnovata anche quest’anno con ingredienti peculiari come il farro candito al posto dei normali canditi e l’olio EVO al posto del burro. Oltre alle classiche Focaccia Vegana, ai 10 zuccheri naturali e ai 10 cereali, le novità del 2023 comprendono la Focaccia all’olio di oliva, con olio EVO 100% italiano, olive candite e scorze di limone bagnate nel limoncello, e la Focaccia con crema di pistacchio, corredata da un vasetto di crema spalmabile al pistacchio.

Ciclofocacceria Mamm

La proposta natalizia della Ciclofocacceria friulana s’ispira al tema dell'inclusione e della parità di genere, con la scatola scatola arcobaleno in cui è contenuto il panettone in versione Classico e Ai Quattro Cioccolati. Ma la novità dell’anno è il Panettone all’Olio Extravergine di Oliva del frantoio Petruzzi, piccola realtà di Fasano (Bari), arricchito con gianduia e albicocche. Il secondo panettone inclusivo, invece, è un impasto classico ma senza uvetta e canditi. Perché “Tutti hanno il diritto di avere il proprio panettone”.

Giancarlo De Rosa

Maestro lievitista con esperienza trentennale nell’Arte Bianca, ogni anno Salvatore propone la sua linea di lievitati natalizi. Dai classici Tradizionale Milano e ai Tre Cioccolati, alle novità 2023 Mele, noci e zenzero, Gianduia e cioccolato, Frutti di bosco e cioccolato bianco, Cioccolato e caramello salato, all’Albicocca e Haiku Profumi d'Inverno.

Forno Brisa

Il forno bolognese questo Natale ha ideato il Veganone, una rivisitazione del panettone più leggera e inclusiva, senza ingredienti di origine animale e fatta con sole materie prime naturali, autoprodotte o provenienti da filiere sostenibili. Disponibile in due varianti, Classico e con Albicocche di filiera e Cioccolato autoprodotto, il panettone vegano si inserisce in un progetto condotto insieme al nutrizionista Ferdinando Giannone legato al concetto di benessere, per il bilanciamento nutrizionale di tutti i dolci serviti negli store: proporre una pasticceria da mangiare tutti i giorni e non solo quando "ci si concede uno strappo alla regola". Disponibili anche il Classico, il Gianduia e lo Strudel, il gusto più votato dalla community, oltre ai Brutti ma Buoni, i panettoni imperfetti per chi ha il cuore green.

Ascolese La Boutique dei Lievitati, San Valentino Torio (Sa)

Pluripremiato a livello internazionale (Miglior Panettone Artigianale 2022 a Re Panettone), i panettoni del Maestro lievitista Fiorenzo Ascolese sono composti da pochi semplici ingredienti rigorosamente selezionati. Il Natale Ascolese comprende il Tradizionale, alle Albicocche del Vesuvio, al Limoncello, al Pistacchio, con pasta di limoni di Amalfi, e il Pandoro.

Tuccillo Bakery, Marigliano (Na)

Sono 10 le specialità natalizie proposte dal Bakery Chef Fabio Tuccillo, finalista Coppa del Mondo del Panettone (che si concluderà al Sigep di Rimini a gennaio 2024). Le novità sono Grace, panettone al cioccolato composto da tre impasti al cioccolato fondente, gianduia e nocciola, farciti con due cremini, e il Panettone Red Velvet e Amarena. Non mancano il Panettone Cappuccino e Cioccolato Bianco, il Classico, il dolce e fruttato Vesuviello, farcito con Albicocca Pellecchiella del Vesuvio e pasta di mandorla siciliana, Inspiration Mandorla arricchito da cioccolato alla frutta secca e mandorla fresca, il Panettone al Pistacchio e il Panettone ricotta e pere. Fresco e ai frutti rossi è Berries Temptation, con impasto al mascarpone, oltre a Temptation White Fragola, con gelatine alla fragola, fragoline candite e cioccolato alla fragola.

Sottozero, Reggio Calabria

La nuova linea di lieviati per le feste 2023 del maestro gelatiere Vincenzo Pennestrì passa dal Panettone Tradizionale a quello Ai Tre Cioccolati, fino a quelli al Pistacchio con crema inclusa e ai Frutti di bosco. Special edition ed un vero proprio omaggio alla Calabria è il Panettone alla liquirizia, canditi al bergamotto, fichi secchi, ricoperto di cioccolato alla liquirizia. Punta di diamante dell'offerta Pennestrì sono i Panettoni ripieni di gelato, dal panettone Giada con gelato alla nocciola reale delle Langhe, all’Americano con gelato al caramello di burro salato, fino al Calabrese, con gelato di noci e al cioccolato, fichi caramellati con ricoperto di cioccolato alla liquirizia.

Bonfissuto

Le novità del 2023 della pasticceria siciliana comprendono il Panettone Le Due Sicilie, realizzato con mandorle di Sicilia, lievito madre, farina di grani antichi siciliani, mandarino tardivo di Ciaculli e Melannurca Campana Igp, e il Sacher Panettone Iconic Art, con grani antichi siciliani e farina di Maiorca e Albicocca Pelecchiella del Vesuvio racchiuso in una copertura al cioccolato fondente. Il packaging è esclusivo, con la grafica realizzata dallo street artist Riccardo Bresciani.

Filippo Sinisgalli

Prodotti a Bolzano dallo chef del ristorante Zur Kaiserkron insieme a Il Palato Italiano, le due varietà di panettoni proposte per il 2023 sono Il Classico e Albicocca e Zenzero. Per quest’ultima, vengono utilizzate albicocche che vengono candite intere ancora con il nocciolo, così che rimangano croccanti e profumate. Lo zenzero è disidratato e ridotto in pasta prima di essere utilizzato per sprigionare il suo delizioso aroma piccante e fruttato. La shopper natalizia perfetta per il dono è opera dell’illustratrice Monica Zani, che racconta l’amore per la cucina e il territorio con il suo tratto onirico.

Chocolat

La pasticceria ferrarese di Cristiano Pirani, pasticcere con una lunga serie di esperienze e importanti riconoscimenti alle spalle, per Natale 2023 propone una vasta gamma di lievitati artigianali a lunga lievitazione, tutti preparati esclusivamente con lievito madre, burro e uova da allevamento a terra: il Panettone albicocca, rum, e cioccolato al caramello, Il Panettone al Cremino, con pezzi di cremino alla nocciola, cioccolato bianco e cioccolato fondente, il Panettone Salato Pugliese, con impasto salato composto da pomodorini essiccati e canditi, accompagnato da olive verdi e nere, origano, pepe e scaglie di ricotta salata, il Panettone al Bombardino e quello Ai Tre Cioccolati.

Peck

Il “Giardino delle Meraviglie” di Peck nasconde i doni più preziosi per celebrare il Natale 2023. Cinque varianti dell’immancabile panettone, dolce simbolo della milanesità, che comprendono il Classico, quello all’Amarena, limone e mandorla, il Pere e cioccolato, l’Arancia, ananas e zenzero e, infine, quello al Pistacchio, caffè e cioccolato bianco. Tutti da accompagnare alle iconiche sculture di cioccolato, come quella del Babbo Natale e la Renna, gli alberi e le sfere policrome di cioccolato.

Palazzo di Varignana

Tre proposte speciali con protagonista l’olio extra vergine d’oliva prodotto nell’azienda sulle colline bolognesi: il “Dolce di Natale”, lievitato firmato dal Maestro Pasticcere Gino Fabbri, che unisce le virtù tipiche del panettone con le caratteristiche uniche dell'olio extravergine Vargnano di Brisighella DOP di Palazzo di Varignana. Un prodotto innovativo caratterizzato da un ricchissimo bouquet aromatico e dal perfetto bilanciamento di sapori e consistenze che quest’anno si distingue anche per l’assenza del lattosio. “Aurum”, il primo prezioso olio Limited Edition racchiuso in 360 bottiglie, nato dall’accurata selezione delle migliori olive della cultivar Maurino della campagna olearia 2023/2024. Infine, “Tripudio di Natale”, un’elegante gift box che racchiude il meglio dei prodotti dell’azienda agricola del resort.

La via del Tè

La Via del Tè nasce nel 1961 a Firenze da un’idea di Alfredo Carrai per divulgare la cultura del tè in un paese “coffee oriented”. Per il 2023 propone la sua versione dell’immancabile re dei dolci natalizi, rivisitato con una nuova esclusiva ricetta: il Panettone artigianale all’Earl Grey Imperiale, cioccolato, arance e bergamotto. Una combinazione unica di sapori, con il caratteristico aroma agrumato di bergamotto, racchiuso nel tè nero Earl Grey Imperiale, che si sposa al cioccolato e si unisce alla dolcezza dell’arancia e del bergamotto candito.

Ciacco Lab

Dal laboratorio di Parma a tutta Italia, sono in arrivo gli amatissimi panettoni del chimico gelatiere Stefano Guizzetti. 48 ore di lievitazione, burro piemontese da centrifuga, uova fresche biologiche da un piccolo allevatore di Cuneo e materie prime scovate tra i fornitori di fiducia di Ciacco, dal burro di cacao dell’Ecuador alla Vaniglia dal Madagascar. Le proposte del 2023 comprendono, oltre al classico Panettone Milano, il Panettone “Amaro”, composto da erbe, radici, mirtilli e pompelmo per un lievitato che sconvolge il palato con un amaro inatteso, che sul finale regala gli aromi di genziana, rabarbaro e china insieme alla dolcezza di mirtilli rossi e blu e l’asprezza del pompelmo candito, e il Panettone Gianduia, dall’impasto morbido e profumato grazie all’aggiunta di confettura di mele di una varietà antica e pasta di nocciola di Cravanzana, con cubotti di gianduia made by Ciacco, fondente Costa d’Avorio Marco Colzani e nocciole.

Pistì

L’azienda di Nino Marino nata e cresciuta a Bronte, ai piedi dell’Etna, la cui manodopera è costituita per il 90% da personale femminile, propone la sua linea 2023 di lievitati di Natale: il Panettone al Pistacchio di Bronte, ricoperto di cioccolato fondente 70% e pistacchi di Bronte, il Panettone con Miele di api sicule, che sprigiona al suo interno tutto il gusto del limone e del miele con una delicata copertura di finissimo cioccolato bianco, il Panettone con Cioccolato di Modica IGP e il Panettone alla pesca, con cioccolato extra fondente e una copertura di fragrante pistacchio siciliano e granella di zucchero.

Di Indira Fassioni 

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri