FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Chiara Pavan e Francesco Brutto, la coppia stellata della cucina d’avanguardia
 

Una Stella Michelin per questa coppia di giovani chef dall'animo raffinato che propone una cucina contemporanea, basata sul territorio e attenta alla sostenibilità

Amore tra i fornelli per una cucina stellata 

Chiara Pavan e Francesco Brutto sono da cinque anni gli Executive Chef del ristorante Venissa sull’isola di Mazzorbo, nella laguna veneziana, all’interno di una splendida tenuta vinicola a due passi da Burano. I loro piatti sembrano usciti da una favola, anzi, da una serie tv di quelle dalla fotografia moderna e conturbante, come potrebbero essere Homecoming, Utopia (Uk) o The Handmaid’s Tale, proprio per la contemporaneità delle loro composizioni, che li fa risplendere in un universo culinario sempre più affollato.

La cucina di laguna non è semplice: non è come prendere le tagliatelle al ragù della nonna e riproporle in chiave moderna. Qui gli ingredienti sono schivi, sono diversi, a volte sono anche impronunciabili. Il Km 0 non è quello classico della stalla o del pescato del mare, qui il lavoro si fa per due. Ma Chiara e Francesco sono una coppia anche nella vita e l’intesa si riconosce perfettamente nella loro cucina.

 

 

La storia professionale di ognuno di loro sa di gavetta e impegno, come è giusto che sia. Francesco ha lavorato per molti anni al Povero Diavolo con Piergiorgio Parini, poi nel 2014 ha aperto a Treviso il ristorante Undicesimo Vineria. Nel 2016 riceve il riconoscimento “Giovane dell’anno” per le Guide dell’Espresso e nel 2017 viene insignito della stella Michelin. Nello stesso anno inizia la consulenza per il ristorante Venissa, dove a prendere le redini della brigata è proprio Chiara Pavan.

 

 

Chiara è laureata in Filosofia e ha iniziato a fare la cuoca mentre studiava all’università. Una volta terminati gli studi, ha frequentato la scuola ALMA e ha fatto stage ed esperienze in importanti ristoranti italiani (tra cui Valeria Piccini, Caino e Osteria Francescana), prima di conoscere Francesco e iniziare l’avventura di Venissa.

 

 

Nel 2019 viene premiata “Cuoca dell’anno” per le Guide dell’Espresso, Chef Internacional per la rivista Elle in Spagna e “Best Female Italian Chef in Europe 2019” per Love Italian Life. Ha ricevuto, infine, il premio Miglior chef donna per la guida Identità Golose 2020. A Febbraio 2020, Francesco decide di concludere l’esperienza di Undicesimo Vineria a Treviso e di spostarsi in pianta stabile con Chiara a Venissa. 

 

 

I due chef amano definire la loro cucina una cucina “ambientale”, nel senso che è radicata nel territorio, ma allo stesso tempo è anche estremamente attenta alla sostenibilità verso l’ambiente che la circonda. Una cucina che è l’espressione stessa di quell’ambiente, di cui pertanto bisogna necessariamente prendersi cura.

 

 

Nei loro piatti prevalgono gli elementi vegetali (verdure ed erbe provengono dai loro orti) e il pesce lagunare e dell’alto adriatico. Tra i piatti simbolo della loro cucina, non si possono non menzionare i Bottoni di burro di artemisia, pinoli e insalate amare, o il Carciofo km 0, tuorlo marinato, nepetella, caffè di carciofo, ambretta, o ancora gli Spaghetti oro: garum di sardine, succo di uva Dorona acerba dalle vigne di Venissa, lime e foglie di finocchietto di mare e il Signature Dish di Francesco Brutto Tortellini di tamarindo, doppia panna e angostura, fino alle nuove creazioni come le Capesante di Caorle, pino mugo, mandorle.

 

 

Ecco l'intervista rilasciata dai due cuochi al Tgcom24 

 

Qual è la prima cosa che fai la mattina quando ti alzi?

Chiara: bevo un bicchiere di acqua.

Francesco: mi faccio coccolare dalla mia morosa.

 

 

 

Quando inizia la tua giornata tipo e quando finisce?

Chiara: inizia alle 8 con una pratica di yoga, finisce verso mezzanotte e mezza con la lettura di qualche pagina di libro o l’inizio di un film prima di crollare.

Francesco: inizia alle 8.30 con la ricerca degli occhiali da vista (sono mezzo cieco) che lascio sempre in giro, finisce dopo che Chiara ha preso sonno e io finisco il film che lei non finirà mai.

 

 

Un ingrediente di cui non puoi fare a meno?

Chiara: l’olio extravergine di oliva.

Francesco: la curiosità o in alternativa il burro.

 

 

Qual è il primo piatto che ti ricordi di aver cucinato?

Chiara: a casa il risotto al radicchio, al ristorante un flan di ricotta e zucchine.

Francesco: a casa la zuppa di pesce, al ristorante le patate al forno.

 

 

E quale ha avuto più successo?

Chiara: Insalata di ravioli ripieni di burro all’artemisia, pinoli ed erbe amare.

Francesco: Tortellini di tamarindo fermentato, doppia panna e angostura.

 

 

Descrivi la tua cucina in tre aggettivi.

Chiara & Francesco: ambientale, inclusiva, golosa.

 

 

Se fossi un film, che film saresti?

Chiara: “Lost in translation” di Sofia Coppola, l’amicizia e la seduzione ti aiutano nei momenti più malinconici.

Francesco: “Moonrise Kingdom” di Wes Anderson, per la fedeltà all’amore e all’avventura.

 

 

Se fossi una canzone, che canzone saresti?

Chiara: “Song for a guy” di Elton John (emotiva e di pochissime parole).

Francesco: “Psycho Killer” dei Talking Heads (...)

 

 

Qual è il giudice che temi di più?

Chiara: me stessa.

Francesco: la Chiara!

 

 

Qual è il tuo ristorante preferito?

Chiara: “L’argine a Vencò” di chef Antonia Klugmann.

Francesco: “Nerua” di chef Josean Alija a Bilbao.

 

 

Qual è un tuo difetto?

Chiara: l’insicurezza.

Francesco: troppa sicurezza.

 

 

E un tuo pregio?

Chiara: ostinazione e perfezionismo.

Francesco: capacità di cambiare idea.

 

 

Cosa avresti fatto se non avessi fatto il cuoco?

Chiara: l’insegnante.

Francesco: l’artista.

 

 

La ricetta: CREPE ALLE ERBE E GELATO AL ROSMARINO

Ingredienti:

Per il gelato: latte intero 800 g - panna 200 g - tuorlo d’uovo 200 g - zucchero 200g - rosmarino 200 g

 

per la crepe: levistico 40 g - dragoncello 50 g - latte 600 g - uova 3 - burro sciolto 80 g - farina 140 g - sale 2 g

 

per la crema pasticcera:  500 g latte intero - 45 g amido di mais - 120 g zucchero - 100 g tuorlo - 60 g basilico

 

per la finitura:  assenzio - 200 g di succo di mela verde - una noce di burro - un cucchiaio di zucchero - foglioline di: basilico, menta, dragoncello, salvia, timo, assenzio, origano, finocchietto, nasturzio, maggiorana, acetosella ecc.

 

Per il gelato: Portare a bollore il latte e la panna, unire il rosmarino e lasciare in infusione per una notte. Filtrare quindi e unire tuorlo e zucchero. Cucinare una crema inglese, portando il composto a 82 gradi. Congelare in contenitori da pacojet o completare in gelatiera.

 

Per la crepe: Frullare le erbe con 200 g di latte, poi filtrare. Unire tutti gli altri ingredienti, mixare e lasciare riposare in frigo per un paio d’ore.

 

Per la crema pasticcera: frullare il basilico nel latte e quindi setacciare. In una boule unire tuorlo, amido e zucchero. Portare a bollore il latte e unire quindi i due composti riportando a bollore e frustando bene.

 

Finitura: formare delle crepe con l’impasto su delle padelle antiaderenti. Farcirle con la crema pasticcera alle erbe. Rosolarle nel burro e zucchero e sfumarle con l’assenzio. Completare con i diversi tipi di foglioline e il gelato al rosmarino.

 

www.venissa.it/ristorante

 

Di Indira Fassioni 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali