FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La Francia mette al bando gli animali selvatici nei circhi: stop agli spettacoli entro cinque anni

Il provvedimento arriva dal ministro per la Transizione ecologica Barbara Pompili, che annuncia anche "la fine degli allevamenti di visoni da pelliccia"

Circo Orfei, Ettore Weber, tigri, bari, ucciso

Niente più camminate su due zampe, giochi con la palla o salti nel cerchio infuocato. La Francia ha deciso di mettere al bando il circo tradizionale: via tutti gli animali selvatici entro il 2025. Lo ha annunciato il ministro per la Transizione ecologica Barbara Pompili. "Stiamo attuando una serie di misure per favorire il benessere della fauna in cattività". Con la nuova riforma, sarà anche vietato introdurre o far riprodurre orche e delfini nei tre grandi acquari del Paese. 

Una lotta, quella del ministro d'Oltralpe, che non riguarda soltanto gli spettacoli circensi: "Entro cinque anni porremo fine anche all'allevamento di visoni d'America per utilizzare la loro pelliccia".

 

"È ormai tempo che il fascino di questi esseri animali non si traduca più in situazioni in cui si preferisce lo stato di cattività rispetto alla loro salute", ha ribadito Pompili, sottolineando che "la nostra epoca ha cambiato il modo di approcciarci nei confronti degli animali selvatici".  

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali