FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Sardegna, Tharros: un tesoro archeologico affacciato sul mare

Un museo a cielo aperto, che racconta due millenni di storia sarda, immerso in una cornice naturale di splendida bellezza

Sardegna da scoprire: i tesori dell’area archeologica di Tharros

Un museo a cielo aperto, che racconta due millenni di storia sarda, immerso in una cornice naturale di splendida bellezza

Leggi Tutto Leggi Meno

All’estremità meridionale del golfo di Oristano, nella Sardegna centro-occidentale, si trova una delle più rilevanti e suggestive eredità archeologiche del Mediterraneo: la città di Tharros, fondata nell’VIII secolo a.C.

e abbandonata nell’XI d.C. quando la sede episcopale fu trasferita a Oristano, nuova capitale del Giudicato di Arborea.

E’ situata nel comune di Cabras, sulla penisola di Capo San Marco che, assieme alla contrapposta punta di Capo Frasca, delinea l’ampio golfo di Oristano, che la gente del posto chiama “mare morto”. Insediamento nuragico, emporio fenicio, fortezza cartaginese, urbs romana, capoluogo bizantino e capitale arborense: a Tharros - che era un tempo una delle città più importanti della Sardegna - si scoprono due millenni di storia, immersi nell’incanto di una natura selvaggia. 

Uno straordinario museo all’aria aperta -

Tharros è un vero e proprio museo all’aria aperta, un ampio anfiteatro naturale affacciato sull’azzurro intenso mare. Un luogo da esplorare senza fretta, camminando fra i suoi  imponenti resti archeologici immersi nella macchia mediterranea. Una visita – passeggiata ideale da fare in primavera, quando il clima è dolce e la natura verde e fiorita.Sulla collina settentrionale che domina la città e l’istmo e sui resti di un preesistente villaggio nuragico, si trovava il tofet (oggi ricostruito al Museo di Cabras), il santuario dei fanciulli di epoca fenicio-punica, con migliaia di urne cinerarie in terracotta contenenti resti di bambini e di animali e centinaia di stele in arenaria. A valle, si conservano importanti monumenti di età punica e romana, tra cui il cosiddetto “Tempio delle semicolonne doriche”, l’acquedotto, il castellum aquae, le strade lastricate in basalto, i templi e tre edifici termali. Alla fase paleocristiana risalgono poi la trasformazione di una delle terme in edificio di culto e l’impianto di un battistero. 

Il trenino di Tharros -

Per arrivare in questa straordinaria area archeologica in tutta comodità e fare un piccolo viaggio attraverso uno tra i più spettacolari territori della Penisola del Sinis, si può prendere il trenino che parte dalla piazza accanto alla Chiesa paleocristiana di San Giovanni di Sinis, nell’omonima borgata marina. ll trenino percorre l’estremità meridionale della Penisola del Sinis, tra le dune costiere, i resti dell’acquedotto romano di Tharros, il sentiero tra l’area archeologica e la Torre Spagnola di San Giovanni e infine l’istmo di Sa Codriola, alle pendici di Capo San Marco, fino alla necropoli meridionale di Tharros, offrendo una panoramica dei più suggestivi aspetti naturalistici e monumentali del territorio dell’Area Marina Protetta Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre. Nella stagione balneare il trenino è l’unico mezzo di trasporto che, attraversando un’area naturalistica interdetta alla circolazione di veicoli, consente di  raggiungere le spiagge dell’Istmo a tutti coloro che non vogliono fare il percorso a piedi.

Per maggiori Informazioni: www.sardegnaturismo.it  


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali