FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

La Liguria che non ti aspetti: gli incanti di Deiva Marina

Un delizioso paese disteso tra mare e montagna e che fa parte dei Borghi più Belli d’Italia

Liguria: Deiva Marina, l’altra faccia della Riviera

Un delizioso paese disteso tra mare e montagna e che fa parte dei Borghi più Belli d’Italia

Leggi Tutto Leggi Meno

Deiva Marina, in Liguria: oltre a una storia antica e a un centro storico suggestivo per la presenza di chiese barocche, ha dintorni che invitano alle passeggiate e al trekking.

E' una cittadina balneare con una bella spiaggia ben attrezzata che si stende per circa 300 metri.

Sospesa fra cielo e mare, forse anche un po' nel tempo… Deiva Marina è la Riviera Ligure che non ti aspetti: è a buon titolo uno dei Borghi più Belli d’Italia, ricca di storia, cultura e vestigia di un tempo lontano, oltre che di bellezze naturali e scorci panoramici. Una spiaggia quindi e una vocazione balneare che offre a chi visita Deiva Marina innumerevoli spunti di svago e opportunità di relax in alternativa a panoramici itinerari di trekking immersi nella natura, in paesaggi ricchi di flora e fauna mediterranea e di fondovalle valorizzati da cavità carsiche e piscine naturali, palestra di arrampicata sportiva e tragitti mare-monti da esplorare in mountain-bike, completati da un percorso ginnico e dal lungo e ombreggiato viale alberato con spazi gioco per i più piccoli ubicato nel centro urbano.


Una Riviera diversa -

Una spiaggia di sabbia fine e piccoli ciottoli colorati, in proporzione diversa a seconda delle correnti e delle maree, racchiusa tra due corone di scogli. Il mare, aperto all’orizzonte, limpido ma aspro, quasi selvaggio, così che bastano tre passi e il fondo sembra sfuggire da sotto i piedi. Il clima mite, appena accarezzato dalla brezza o dal ponentino. È il biglietto da visita di Deiva Marina e dell’intero territorio, motivo di interesse per i turisti che arrivano da ogni parte del mondo e di orgoglio per gli abitanti; un passepartout che, tuttavia, può diventare persino un po’ ingombrante, poiché rischia di distogliere lo sguardo dalla qualità profonda di una terra ricca di storia e di cultura, situata al crocevia di itinerari che spaziano dal Parco Naturale delle Cinque Terre, stupefacente paesaggio creato dal sudore dell’uomo, strappando palmo a palmo la terra al mare, all’ Alta Via dei Monti Liguri, itinerario escursionistico costellato di antichi borghi la cui suggestione resiste intatta allo scorrere del tempo, al golfo del Tigullio, che offre, accanto alle località turistiche più rinomate, angoli tranquilli e lontani dal clamore e piccole baie nascoste, dono quasi inaspettato per il viaggiatore che sa cercare.


Il centro storico -

L’abitato è diviso in due parti: il centro storico, a ridosso della collina, le case quasi arrampicate ad essa e strette tra di loro in un abbraccio secolare, a formare un mosaico intricato ed intrigante di tegole e intonaco, finestre profilate alla genovese e ringhierine in ferro battuto, gerani rosso cupo sui balconi e Madonnine beneauguranti sopra gli usci, e la Marina, interamente costruita a partire dal dopoguerra, con la sua linda geometria di strade e di piazze. Sono due realtà differenti e interconnesse, due mondi diversi accostati, forse per caso, forse per dispetto. Al centro del nucleo più antico, si erge la chiesa parrocchiale settecentesca, dedicata a Sant’Antonio abate e motivo di particolare interesse per il sagrato, il tipico tappeto di pietra ligure “a risseu” (una sorta di mosaico di ciottoli levigati, disposti a formare disegni marinareschi). Di fronte alla chiesa si trova una torre tardo medievale a pianta quadrata, coronata di merli aggettanti.

Verso la montagna -

Seguendo un itinerario naturalistico e storico insieme, si può risalire dal centro storico di Deiva verso le alture, incontrando le frazioni di Mezzema, Piazza e Passano, piccoli agglomerati di case sparsi sulla collina, i cui abitanti scesero poi a valle a fondare il nuovo centro. La testimonianza più interessante dell’antichità degli insediamenti in queste zone è la chiesa di N.S. dell’Assunta, ritenuta la prima chiesa plebana del comprensorio, fatta edificare da Ita e Oberto, forse capostipiti dei domini da Passano, intorno al 1002 in un’ampia terrazza pianeggiante oggi poco distante dall’abitato di Piazza. L’edificio è noto per la presenza al suo interno di una delle più significative testimonianze scritte dell’evangelizzazione del territorio: un’antica iscrizione della fine del VII-VIII secolo incisa su lastra marmorea, che riporta il testo di una pretesa “lettera di Gesù Cristo mandata dal cielo”, ed è conservata assieme alla lapide di intitolazione della chiesa stessa. Il testo latino dell’iscrizione paleocristiana richiama duramente i credenti al rispetto del riposo domenicale, minacciando le peggiori calamità e punizioni per i non osservanti.

Memorie medievali -

Salendo ulteriormente, si incontra il monte San Nicolao, che domina la vallata di Deiva. Sul versante settentrionale, a ca. 800 metri sul livello del mare, recenti scavi condotti dalla Cattedra di Archeologia Medievale dell’Università di Genova hanno portato alla luce un complesso ospitaliero medievale costituito da una chiesa a navata unica e transetto triabsidato, databile intorno al XII – XIII secolo, e da un attiguo locale di più ridotte dimensioni. Poco più a sud, sono stati trovati i resti di un edificio più grande, a pianta rettangolare, probabilmente destinato all’accoglienza dei pellegrini e dei viandanti che percorrevano le Vie Francigena e Romea. Queste testimonianze, tuttavia, non sono le uniche che il territorio ha regalato, e neppure le più antiche, poiché l’area del Monte Carmo, presso la frazione di Mezzema, ha restituito punte di freccia in diaspro, frammenti di ceramica e piccoli manufatti in pietra che risalgono al periodo compreso tra l’età del Rame e quella del Bronzo. Tracce di frequentazione databili all’età del Bronzo sono state individuate anche in altre zone del territorio comunale.


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali