FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Gorizia mitteleuropea, ecco i tesori da scoprire

E' il punto d'incontro delle varie culture europee e offre itinerari inconsueti conditi da assolute delizie enogastronomiche

Gorizia, una città di frontiera, tutta da scoprire

Gorizia possiede un’atmosfera, tutta da scoprire, con mille tesori che, forse con eccessivo understatement, tiene nascosti, riservando così molte piacevoli sorprese al visitatore. Una città che da sempre è il crocevia delle civiltà europee: qui si incontrano e dialogano da secoli la cultura italiana, quella slava e quella germanica. Anche a tavola, come vedremo.

Gorizia uno dei capoluoghi del Friuli Venezia Giulia, è bagnata dall’Isonzo dall’incredibile color turchese, che scende dalle strette valli  in Slovenia, ed è alla convergenza delle aspre alture del Carso, ricco di memorie della Grande Guerra e quelle, più dolci, del Collio, patria di vini celebri in tutto il mondo. 

Il Borgo Castello – Arrivando dall’autostrada la prima cosa che si nota a Gorizia è il suo castello, abbarbicato sul colle che la domina, simbolo della millenaria e poco conosciuta storia della città, che fu citata per la prima volta nel 1001. Il castello è visitabile e contiene un’interessante sala didattica dedicata al periodo medievale, che vide i Conti di Gorizia dominare su un vastissimo territorio, che andava dall’Istria fino al Tirolo Orientale. Da non perdere l’esposizione la bella esposizione permanente degli strumenti medievali e rinascimentali, perfettamente funzionanti, tanto che vengono usati per concerti nelle sale del maniero. Il castello è dotato anche di un percorso multimediale.  In questo periodo e fino a gennaio, ospita una interessante mostra su Massimiliano Primo d'Asburgo.

La città alta e la Grande Guerra – Il castello è circondato dall’incantevole Borgo, da cui si godono panorami mozzafiato e che custodisce tra le sue antiche viuzze anche il bel Museo della Grande Guerra, assolutamente da visitare non solo per l’ampia documentazione, i reperti, ma anche per l’emozione di trovarsi in una trincea durante il terribile conflitto. Che si svolse in gran parte proprio intorno a questa città: nel sobborgo di Oslavia sorge il monumento ossario mentre a una decina di minuti di auto ecco la colossale scalinata di Redipuglia. Altri piccoli musei del Primo conflitto mondiale si trovano proprio a Redipuglia, a Fogliano e sulla cima del Monte San Michele, in cui sono state restaurate alcune grandi gallerie costruite dagli italiani e in cui ci si può immergere nelle trincee del '15-'18 in realtà virtuale

La Pinacoteca - Ma scendendo dal castello Gorizia offre un piacevole centro storico: in piazza De Amicis ecco, nel bel palazzo Attems Petzestein, la Pinacoteca degli ex Musei provinciali (oggi regionali) in cui si riassume la storia particolarissima e internazionale dell’arte figurativa di Gorizia, originalissimo mix di influenze veneziane, slovene, viennesi. Inconsueta in una città italiana la chiesa di Sant’Ignazio, in Piazza Vittoria, con i campanili dalle cupole a cipolla. Dalla piazza si può risalire nell’antica e bella via Rastello fino ad arrivare alla statua di Carlo Michelstaedter, personaggio emblematico di Gorizia, scrittore e pittore, filosofo. Scrisse la sua opera principale giovanissimo e morì suicida a soli 23 anni. A lui è dedicata una sezione nel Museo didattico della Sinagoga di Gorizia.

Palazzi e chiese - Proprio davanti alla statua, la piccola intrigante trattoria “Alla Delizia” in cui assaggiare ottimi vini e affettati del luogo. Dalla stessa piazza si può raggiungere il Duomo che custodisce la volta di un’antica cappella con i magnifici affreschi medievali di Angeli musicanti, da poco restaurati. Nella vicina Piazza Sant’Antonio, due palazzi degni di assoluto rilievo: palazzo Lantieri che ospita spesso interessanti eventi culturali-artistici e palazzo Strassoldo. Sulla piazza si affacciano locali tipici, come “Atmosfere” che offre tra l’altro pasti rapidi e gustosi con squisitezze locali. 

Villa Coronini - Nel bellissimo viale XX settembre, che porta a una delle vedute più incantevoli di Gorizia ecco il Parco e la Villa Coronini, lascito di un nobile goriziano e molto apprezzati da Vittorio Sgarbi: un esempio di stupendo giardino mitteleuropeo e un palazzo che custodisce una parte della storia del Friuli Venezia Giulia, con pezzi rarissimi come ad esempio due busti dello scultore Franz Xaver Messerschmidt, autore dei più inquietanti ritratti della storia dell’arte. 

Il Mercato e la Rosa di Gorizia - Un capitolo a parte meriterebbe l’enogastronomia goriziana, ricchissima, come dimostra lo stupendo Mercato coperto di Corso Verdi, costruzione in stile Liberty che ospita i migliori prodotti degli orti friulani e sloveni, le primizie più preziose,  con la mitica “Rosa di Gorizia” un raro radicchio amato dai gourmet di mezzo mondo che viene coltivato da una decina di piccoli produttori nelle campagne attorno all’Isonzo e che proprio nella stagione fredda viene raccolto e offerto dai ristoranti.

Orange wines di Oslavia - Questa verdura deliziosa bene si accompagna con i vini prodotti a Oslavia, in cui un gruppo di viticoltori si sono riuniti in un’associazione nel nome della deliziosa Ribolla Gialla. Da provare anche i loro Orange wines, ormai celebri in tutto il mondo. Il tutto si può assaggiare nella trattoria Alla Luna  che ha fatto del recupero della cucina tradizionale  la sua missione: da assaggiare gli incredibili gnocchi di susine,  la panza de moniga (pancia di monaca, un pasticcio delizioso) oppure la Lubianska, una sorta di milanese arricchita di formaggio e prosciutto che si può gustare, in dimensioni gigantesche, anche nella trattoria "Gianni". Per un tuffo nella tradizione in un ambiente casalingo e informale ecco la trattoria Turri, nel quartiere di S.Andrea.

Per maggiori informazioni: www.turismofvg.it

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali