FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Istria: in primavera ci prende per la gola

In primavera l’Istria festeggia due dei suoi prodotti più eccellenti 

Primavera: in Istria si fa festa con asparagi e vino

In primavera l’Istria festeggia due dei suoi prodotti più eccellenti 

Leggi Tutto Leggi Meno

A due passi dall’Italia, l’Istria, paradiso per gourmet, rifiorisce in primavera con una serie di appuntamenti legati a due prodotti che sono l’espressione del suo straordinario terroir: gli asparagi selvatici e il vino.

Gli asparagi selvatici, in particolare, sono uno dei simboli di questa stagione di rinascita: i germogli verde scuro prediligono i terreni rocciosi e carsici, da cui traggono il loro sapore amarognolo e pungente. Crescono nei boschi dell’Istria, ma anche lungo la costa e sulle isole dell’Adriatico.

Delizie della penisola -

Per gustarli alla maniera tradizionale, la scelta migliore è andare nelle konobe (taverne) e ordinare la famosa fritaja (frittata), preparata sul momento con asparagi appena colti e lasciati ammorbidire per qualche minuto in padella con un filo di olio extravergine di oliva. Un’altra specialità molto diffusa sono i fusi istriani (una sorta di maccheroncini) serviti con le punte rosolate. Da marzo a maggio, molti ristoranti – soprattutto nelle città di Castelvenere, Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie – propongono piatti e menù a base di asparagi (in base alla disponibilità: essendo un prodotto spontaneo, risente più di quelli coltivati delle condizioni climatiche). Tra gli eventi a tema, invece, spiccano le ”Settimane delle frittate istriane” organizzate nell’Istria centrale (Pazin - Pisino) nel mese di aprile.

Dal Terrano alla Malvasia -

La primavera è anche la stagione giusta per andare alla scoperta della straordinaria produzione enologica istriana: i lievi pendii collinari inondati dal sole, di cui l’Istria è ricca, sono particolarmente adatti alla coltura della vite, mentre le oscillazioni di temperatura tra giorno e notte accentuano ulteriormente l’intensità aromatica dei vini locali. Tra i vitigni più diffusi ci sono la Malvasia bianca istriana, il Terrano (della famiglia dei Refoschi), ma anche Pinot bianco, Chardonnay, Pinot grigio, Merlot e Cabernet Sauvignon. Per chi vuole saperne di più, l’appuntamento da non perdere è sicuramente il Vinistra, il festival del vino croato che si terrà dal 6 all’8 maggio a Parenzo: oltre a degustazioni e workshop, il momento clou sarà il World of Malvasia, competizione tutta dedicata a questo particolare vitigno. 

Altri appuntamenti primaverili -

Tra gli eventi gastronomici della primavera istriana, ricordiamo anche: Sui sentieri delle delizie rovignesi, dall‘8 al 15 maggio; Weekend bike and gourmet tour, il 21 e 22 maggio; Giornata delle cantine aperte in Istria, il 29 maggio; Seasonal Food & Wine, dal 27 maggio al 10 giugno, che coinvolge i top chef del territorio istriano, stelle Michelin incluse.

Per maggiori informazioni: www.istriavicina.istra.hr 


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali