FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Volare si cambia: con riconoscimento facciale e intelligenza artificiale tornano i liquidi in valigia

La tecnologia al servizio della sicurezza negli aeroporti italiani, a partire da Roma Fiumicino e Milano Linate e Malpensa: così i controlli saranno più veloci alle partenze

aeroporto,check-in, generica
ap-lapresse

Biometria e intelligenza artificiale per volare sicuri. Anche in Italia arrivano riconoscimento facciale e nuovi sofisticati impianti per il controllo del bagaglio a mano; addio documenti e le carte d'imbarco, dunque, ma tornano liquidi e pc in valigia. La sperimentazione a Roma Fiumicino a fine novembre: si parte dal terminal 1 con la compagnia olandese Klm sui voli con destinazione Amsterdam Schiphol, con l'intenzione di diffondere presto il sistema a tutti i voli. Anche a Milano, negli scali di Linate e Malpensa, si punta a velocizzare le operazioni d'imbarco senza rischiare in sicurezza. Ecco allora la rivoluzione per i viaggiatori punto per punto.

Tornano i liquidi a bordo - A Roma Fiumicino tra febbraio e marzo dovrebbero arrivare, come riferisce Il Messaggero, impianti sofisticati di controllo del bagaglio a mano, in grado di identificare piccolissimi quantitativi di esplosivo. Si tratta di 26 macchinari di Standard 3, costati ciascuno un milione di euro. Ciò permetterà di lasciare in valigia liquidi, anche superiori a 100 ml, smartphone, pc e tablet durante i controlli d'imbarco.

 

Anche a Milano Linate, scalo appena riaperto dopo tre mesi di lavori di ammodernamento, si tende a velocizzare entro l'estate le operazioni con nuovi servizi di controllo dei trolley da portare a bordo. Stessa volontà a Malpensa, al terminal 1, dove, con un investimento da 17 milioni di euro, verranno installate linee automatizzate per le verifiche del bagaglio a mano che permetteranno di gestire un numero più elevato di passeggeri, fino a 250 all’ora. Inoltre, con le macchine Eds-Cb, Explosives detection systems for cabin baggage, al posto dei tradizionali raggi X, i bagagli a mano saranno sottoposti a Tac come già accade per quelli da stiva.

 

Intanto, al terminal 2 di Malpensa sono già attive le linee automatizzate, senza il nuovo sistema Eds-Cb: tutto entrerà a regime entro la fine del 2020. Di fatto si tratta di un ritorno al passato, a prima di quell'11 settembre del 2001 che impose misure restrittive tuttora in vigore in tutto il mondo.

 

Addio carta d'imbarco, per volare basterà il viso - Da fine novembre a Roma Fiumicino la sperimentazione permetterà di imbarcarsi mostrando solo il viso. Grazie alla biometria, all'intelligenza artificiale e a speciali chioschi automatici che funzionano così. Si arriva al terminal di partenza, si va alla macchina fai-da-te, si mette il passaporto sul lettore ottico e ci si fa inquadrare il viso da una telecamera che lo memorizza per dire addio a documenti e carta d'imbarco. Dopo la registrazione, infatti, tutto resta in tasca nei restanti passaggi.

 

Anche Linate e Malpensa si adeguano con la tecnologia per il riconoscimento biometrico facciale, con l'obiettivo di velocizzare l’accesso ai terminal in tutti i vari step di controllo fino al self boarding, l’imbarco automatico. Grazie a un investimento da 21 milioni di euro per sei chioschi per l’enrollment (l'iscrizione per associare i dati biometrici a passaporto o carta d’identità elettronici), 25 boarding gate elettronici, 10 gate pre-security e 7 face spot security.

 

Negli altri aeroporti del mondo - Tutto ciò è già realtà al terminal 4 dell'aeroporto di Singapore, dove con check-in automatizzato al chiosco, il self bag drop (dal 2020 anche a Malpensa tutti i 21 banchi saranno senza operatore: il passeggero, con check-in online, porrà il suo bagaglio sul nastro e lo etichetterà; 8 le postazioni a Linate), imbarco tutto automatico senza contatto umano.

 

In Europa, da mesi alcune compagnie sperimentano queste novità: ad Helsinki prova Finnair con il riconoscimento facciale; all'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi stessi controlli di sicurezza, mentre la compagnia aerea olandese Klm sperimenterà a Fiumicino ciò che è già realtà all'aeroporto Schiphol di Amsterdam.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali