FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nasce il consorzio per Libra, la criptovaluta di Facebook

Al via il progetto fortemente voluto da Mark Zuckerberg. Ma alcune defezioni eccellenti potrebbero rallentare il piano

Facebook tira dritto e, nonostante diverse defezioni di peso, prosegue con Libra, la sua valuta virtuale. Nei piani di Mark Zuckerberg dovrebbe entrare in circolazione entro il 2020. Ma negli ultimi tempi sono nati dei problemi che ne potrebbero rallentare i piani.

Del gruppo di aziende che avrebbero dovuto firmare l'atto costitutivo, alcune si sono sfilate all' ultimo momento. E sono defezioni di peso: Paypal, eBay, Visa, Mastercard e Booking. Per questa ragione a Ginevra al meeting inaugurale della "Libra Association", il consorzio che si occuperà della criptovaluta, si è registrata la partecipazione dei rappresentanti di solo 21 società. Tra queste nomi eccellenti quali Uber, Lift, Vodafone, Iliad, Spotify, Coinbase e delle società di venture capital hanno confermato il loro coinvolgimento diventando i membri iniziali di "Libra Council", che si occuperà della governance della associazione.

 

 

Ma non è questa l'unica ragione che potrebbe causare ritardi alla data fissata dal fondatore di Facebook per la circolazione della valuta virtuale, E' il vicepresidente della società a dichiararlo in un'intervista al Financial Times. "Il quadro normativo è ancora molto incerto - ammette Dante Disparte -. Abbiamo la necessità di avere le approvazioni regolamentari e queste potrebbero non arrivare in tempo. Ma il lancio della nostra criptovaluta si farà".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali