FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

India, arriva lo smartphone più economico al mondo: costa solo 3,5 euro

Si chiama Freedom 251, supporta le reti 3G, ha una doppia fotocamera e un display da 4 pollici. Il prezzo è contenuto anche grazie al supporto del governo

India, arriva lo smartphone più economico al mondo: costa solo 3,5 euro

Rivoluzione nel mercato dei cellulari low cost: una piccola azienda indiana, la Ringing Bells, ha lanciato uno smartphone che si propone come il più economico al mondo. Con un prezzo di 251 rupie (circa 3,5 euro) il Freedom 251 costa infinitamente meno rispetto a un iPhone. Il dispositivo, che supporta le reti 3G, ha due fotocamere, 8 Gb di memoria interna, un display da 4 pollici e il sistema operativo Android 5.1 Lollipop di Google.

Supporto del governo per contenere il prezzo - Il prezzo è così basso perché lo smartphone rientra in un programma di alfabetizzazione digitale del premier indiano Narendra Modi, che vuole favorire lo sviluppo di uno smartphone sociale, accessibile a tutti. Non è la prima volta che le istituzioni indiane si mobilitano in tal senso: qualche anno fa, ad esempio, è stato lanciato il tablet Aakash, venduto a 30 dollari, distribuito nelle scuole e nelle università del Paese.

India, mercato che fa gola ai big della tecnologia - L'india con oltre 200 milioni di utenti e 1,2 miliardi di abitanti è il secondo mercato di smartphone più grande al mondo dopo la Cina. E fa gola a molti big della tecnologia che lo stanno puntando da tempo, con alterne fortune.

Ci provano Apple e Amazon - Apple sta investendo nel Paese, dove detiene il 2% del mercato smartphone, con la costruzione di un centro di ricerca a Hyderabad che prevede un investimento di 25 milioni di dollari. Mentre Amazon ha appena acquistato la società indiana Emvantage Payments per estendersi nel settore dei pagamenti mobile nel Paese.

Mentre Zuckerberg (per ora) rinuncia - Meno bene, al momento, è andata a Mark Zuckerberg. Ha provato a lanciare in India Free Basics, una costola del suo progetto Internet.org, che offre accesso gratuito ma parziale al web nei paesi in via di sviluppo. Ma pochi giorni fa è stato bloccato dall'authority Tlc indiana perché giudicato in contrasto con il principio di neutralità della rete. A questo punto Zuckerberg ha gettato la spugna e ha ritirato il progetto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali