FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Vecchio Amaro del Capo vince nuovamente la Grand Gold Medal allo "Spirits Selection"

Si tratta del concorso mondiale più autorevole vinto ancora una volta dall’amaro più amato

L’alta qualità di Vecchio Amaro del Capo vince ancora una volta.

Davanti ai migliori degustatori del mondo, l’amaro più amato ottiene il maggiore riconoscimento fregiandosi della Grand Gold Medal. Si tratta del titolo più ambito assegnato da "Spirits Selection" by Concours Mondial de Bruxelles, il più autorevole e prestigioso concorso mondiale che premia i superalcolici provenienti dai cinque continenti, valutati e classificati da una giuria selezionata di degustatori di ventitré nazionalità diverse, una molteplicità che garantisce la massima obiettività sui risultati. Il Concorso si tiene ogni anno in una nazione diversa e quest’anno, per gli alcolici, è toccato alla Guadalupa, mentre per i vini è stata scelta l’Italia e in particolare la Calabria.

Sito ufficiale

“Abbiamo vinto di nuovo i Mondiali, se la vogliamo dire in termini sportivi – esulta Nuccio Caffo amministratore di Gruppo Caffo 1915 – come nel calcio ci sono diversi campionati e categorie che definiscono le capacità delle squadre e il loro valore, vincere questo concorso ci dà maggiori soddisfazioni rispetto alle competizioni “minori” e con storia breve. Il Concours Mondial de Bruxelles è una competizione enologica internazionale di riferimento riconosciuta per l’indipendenza, il rigore e il processo di degustazione a garanzia del valore dei risultati e dell’autorevolezza indiscussa e di riferimento rispetto ai più recenti e talvolta meno autorevoli concorsi. Perciò, vale la pena sottolineare la caratura del premio perché troppo spesso ci si accontenta di un titolo qualsiasi per sentirsi campioni, ma per esserlo davvero è necessario vincere le gare più dure, dove c’è maggiore competizione. Se poi, la vittoria si ripete negli anni come in questo caso, la soddisfazione è ancora più grande perché si annulla anche il minimo margine di errore”.



Per assicurare imparzialità e rigore i degustatori della giuria sono stati profilati in collaborazione con un’equipe di ricercatori dell’Istituto di Statistica dell’Università Cattolica di Lovanio (in Belgio) e i campioni dei superalcolici premiati sono sottoposti a ulteriori analisi per garantire la piena soddisfazione del consumatore. Inoltre il Concours si tiene ogni anno in una località diversa.


 


E così, se ce ne fosse bisogno, gli estimatori di Vecchio Amaro del Capo hanno una ennesima garanzia sulla qualità e cura artigianale del prodotto da sempre composto da 29 botaniche, in parte coltivate direttamente nell’azienda agricola del Gruppo Caffo ubicata in Calabria quindi a chilometro zero, con un’attenzione alla sostenibilità e un fare artigianale frutto del sapere dei mastri distillatori Caffo.



La qualità non è un’opinione, ma il risultato di un lavoro di selezione, ricerca e continua innovazione. Il controllo della filiera è totale. Le macerazioni, le infusioni e le distillazioni delle bacche, delle erbe, dei frutti, dei fiori e delle radici di Calabria vengono fatte nell’Antica Distilleria Fratelli Caffo a Limbadi, subito dopo la raccolta per catturare gli aromi più freschi e per mantenere intatte le proprietà di ogni ingrediente. I prodotti Caffo sono tutti fatti con infusi e distillati al cento per cento naturali e verificati e monitorati dal controllo qualità del Laboratorio Caffo Research. Inoltre, per le procedure che segue quotidianamente, l’azienda ha ottenuto le massime certificazioni di qualità cioè IFS e BRC, riconosciute in tutto il mondo.



“Siamo orgogliosi di questa vittoria che si ripete negli anni. Questa infatti è la terza medaglia assegnata a Vecchio Amaro del Capo classico dallo stesso Concorso negli ultimi anni. Una vittoria non certo casuale che conferma la qualità del prodotto stesso, ma soprattutto che la stessa rimane inalterata nel tempo”, prosegue Nuccio Caffo. Inoltre, anche la “Riserva del Centenario” di Vecchio Amaro del Capo ha vinto nel 2016 la Gran Gold Medal allo stesso Concorso Mondiale, portando a 4 le medaglie vinte dal brand in pochi anni.
 


Vecchio Amaro del Capo quindi, rimane sempre l’Amaro più Premiato in assoluto, oltre che il più Amato, avendo nel medagliere decine di medaglie conquistate nel corso degli anni in tutti i principali concorsi del settore. “È pur vero però che in generale non è una medaglia a fare la differenza, anche se può aiutare nella presentazione iniziale di un prodotto, ma, secondo me, il vero segreto del successo è la continuità nel tempo e il lavoro vero, quotidiano che c’è dietro ogni bottiglia. Quell’autenticità che i consumatori percepiscono e che li induce a premiare con la loro scelta i produttori più affidabili. Nel tempo, questo insieme di cose, unito alla giusta comunicazione, costruisce un brand forte e amato. Per questo, il premio che preferiamo è quello che riceviamo ogni giorno da tutti coloro che scelgono il nostro prodotto”, conclude Nuccio Caffo.



Ufficio stampa

Quest’anno, a salire sul podio sono anche altri prodotti firmati Caffo. In particolare Elixir di Caffè Santa Maria al Monte che ha conquistato la Silver Medal. Si tratta di uno squisito liquore a base di infuso di pregiate qualità di caffè tostate secondo la tradizione dell’espresso, con una storia secolare che risale al XVII secolo, quando nel porto di Genova iniziarono a sbarcare i primi carichi di caffè. E Sambuca Secolare, storico prodotto della distilleria Caffo, che ha vinto la Gold Medal. Una specialità tipicamente italiana che Caffo ha saputo interpretare nel rispetto delle antiche tradizioni tramandate da generazioni che anche gli intenditori di oggi sanno apprezzare.


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali