FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Il mio amico Arnold" compie 40 anni, la maledizione dei protagonisti

La sitcom è andata in onda per la prima volta nel novembre del 1978: per molti dei protagonisti guai con la giustizia, droga e una morte prematura

Era il novembre del 1978 e per la prima volta andava in onda negli Usa la sitcom "Diff'rent Strokes". In Italia arrivò due anni dopo diventando celebre con il titolo "Il mo amico Arnold". Le storie della famiglia Drummond, con due bambini di colore adottati da un ricco uomo d'affari di New York, hanno conquistato tutti. Ma sulla serie si è abbattuta una maledizione: oggi quasi tutti i protagonisti sono morti e molti hanno vissuto storie drammatiche.

In principio fu "Harlem contro Manhattan", trasmessa da alcune tv locali, per poi diventare un fenomeno a livello nazionale una volta passata su Canale 5 e Italia 1 con il titolo de "Il mio amico Arnold". Per anni le repliche sono proseguite senza soluzione di continuità e il piccolo Gary Coleman è diventato una star anche da noi. Ma il successo di quella serie ha nascosto spesso storie difficili che hanno coinvolto i protagonisti, facendo di "Diff'rent Strokes" una sitcom considerata maledetta.     

IL BIMBO PRODIGIO ARNOLD - Gary Coleman, l'ex bimbo prodigio che interpretava Arnold, è morto nel 2010, a 42 anni, dopo una caduta. L'attore aveva battuto violentemente la testa ed era stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Provom, nello Utah. Le sue condizioni sono apparse subito gravi. Fin dall'infanzia Coleman non aveva goduto di buona salute: una malattia congenita ai reni, oltre a bloccarne la crescita, l'aveva costretto a sottoporsi per due volte a trapianto dei reni e a dialisi. In passato aveva avuto guai con la giustizia, soprattutto per problemi di violenza familiare.

IL PAPA' ADOTTIVO DRUMMOND - L'attore Conrad Bain, conosciuto per il suo ruolo del signor Drummond nel telefilm cult,  si è spento nel 2013 all'età di 89 anni. Bain, che ha recitato con Gary Coleman nella sitcom della Nbc come suo padre adottivo, si è spento per cause naturali a Livermore, nella periferia est di San Francisco. Aveva iniziato la sua carriera negli anni 50 come attore teatrale a Broadway, ottenendo consensi dalla critica e dal pubblico. Proprio grazie a uno degli spettacoli teatrali arriva la proposta di far parte alla soap "Dark Shadows". Poi via via altre parti al cinema tra cui "Rapina record a New York" fino al contratto per il telefilm degli anni 70 "Una signora in gamba" ("Maude"). Fino al ruolo di Philip Drummond ne "Il mio amico Arnold". Bain ha recitato per otto stagioni fino al 1986 per poi riapparire sempre come Drummond in un cameo per una puntata di "Willy, principe di Bel Air" nel 1996.

LA SIGNORA GARRETT - Modi duri e battute fulminanti erano le caratteristiche di una delle tate televisive più famose, la signora Garrett. Charlotte Rae, una delle protagoniste di "Il mio amico Arnold", è mancata a Los Angeles nel mese di agosto. Aveva 92 anni e da tempo era malata di cancro. La popolarità del suo personaggio portò anche a uno spin off, la sit-com "L'albero delle mele". Il suo personaggio della Signora Garrett spesso rubava la scena agli altri. Era una tata di ferro nella casa del vedovo milionario Philip Drummond (Bain), dove accudiva i figli adottivi Arnold (Gary Coleman) e Willis (Todd Bridges) oltre a Kimberly (Dana Plato).

LA GOVERNANTE ADELAIDE - Nedra Volz Nedra Volz, che vestiva i panni della governante Adelaide, è scomparsa nel 2003 all'età di 95 anni, era malata di Alzheimer. In tv ha lavorato tantissimo, da "La famiglia Bradford" ad "Hazzard" dove ricopriva il ruolo della signorina Tisdale.

"Il mio amico Arnold", i protagonisti della serie cult "maledetta"

LA "MAMMA" DI ARNOLD - L'attrice statunitense Dixie Carter, la Maggie McKinney e mamma di Arnold, è morta nel 2010 a 70 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato dal marito, l'attore Hal Holbrook, con cui era sposata dal 1984. Holbrook ha precisato che la moglie è deceduta per le complicazioni di un tumore. Con un curriculum ricco di partecipazioni televisive, Dixie Carter aveva interpretato la nuova moglie di Philip Drummond.

LA VITA TRAGICA DI KIMBERLY - Dana Plato è l'attrice nota soprattutto per avere interpretato Kimberly Drummond nella serie "Il mio amico Arnold". Il suo personaggio venne cancellato dalla serie quando la Plato rimase incinta. Da quel momento imboccò una strada difficile, fatta di b-movie erotici e softcore e problemi di droga. Venne anche arrestata per rapina a mano armata. E' morta di overdose nel 1999 a 34 anni. Il figlio, Tyler Lambert, si è tolto la vita a 11 anni esatti dall'altrettanto tragica scomparsa della madre, il 6 maggio del 2010.

WILLIS HA FATTO PERDERE LE TRACCE - Todd Bridges, che nella serie interpretava Willi, fratello di Arnold, è vivo. Ha 53 anni, ma da tempo è lontano dal mondo dello showbiz. Per molto tempo ha avuto seri problemi legati alla droga ed è finito più volte in manette. Nel 1988 è stato anche processato per tentato omicidio ai danni proprio di uno spacciatore. Nel 2010 Bridges ha pubblicato un libro, "Killing Willis" e nel 2012 è apparso in un cameo del film commedia "Indovina perché ti odio" interpretando se stesso. Dopo la morte di Conrad Bain è rimasto l'unico attore del cast principale della serie ancora in vita.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali