FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Selvaggia Roma e la pancia "come i bambini africani": "Chiedo scusa per la mia leggerezza"

A "Live - Non è la dʼUrso" la modella e influencer ripercorre lʼepisodio che ha scatenato la bufera sul web

 

"Chiedo scusa a tutti nuovamente perché comunque sia ho detto quella frase con troppa leggerezza, tanto che solo il giorno dopo mi sono accorta della gaffe". Così Selvaggia Roma, in studio a "Live - Non è la d'Urso", commenta la bufera che l'ha travolta dopo la sua recente frase in una delle storie di Instagram.


"Inizio a prenderle che mi sa che mi si è fermato il metabolismo! Ho una pancia! Avete presente i bambini africani? Ecco. Io sto facendo quella fine" ha dichiarato, parlando di alcune pillole che starebbe prendendo per perdere peso.


"Mi hanno detto di tutto, che sono razzista, omofoba... da un estremo all'altro. Quello che ho detto non è stato intenzionale per offendere, del resto anche io faccio parte dell'Africa. Mio padre è tunisino. Ho riconosciuto il mio sbaglio e sono consapevole della sciocchezza che ho commesso, ma il massacro mediatico che ho subito mi è sembrato eccessivo. A Roma si usa questa espressione per indicare quando si ha la pancia ma non è comunque una giustificazione nella maniera più assoluta."

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali