FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Piero Angela, l'ultimo saluto in Campidoglio | Il figlio Alberto: "E' stato come vivere con Leonardo da Vinci"

Grande folla per la camera ardente e i funerali laici del giornalista e divulgatore scomparso il 13 agosto 


E' stato dato nella sala della Protomoteca in Campidoglio, l'ultimo saluto a Piero Angela, scomparso il 13 agosto.

"Ho avuto la sensazione di avere

Leonardo da Vinci

in casa, che dava la risposta giusta sempre con una capacità di sintesi e analisi in modo pacato - ha detto il figlio Alberto all'apertura della camera ardente -. Lui amava ripetere un aforisma di Leonardo da Vinci: 'Siccome una giornata ben spesa dà lieto dormire cosi' una vita ben usata dà lieto morire'".

 


Piero Angela, i funerali in Campidoglio



 


 


Il feretro di Piero Angela è arrivato in Campidoglio alle 10:40 e ad accoglierlo, accanto alla famiglia, c'era il sindaco di Roma

Roberto Gualtieri

. Fuori, oltre a tanti amici e colleghi in attesa di entrare nella camera ardente, già da prima delle 10 si è formata una folla composta e silenziosa di persone comuni di tutte le età che, sfidando il caldo, sono giunte in Campidoglio per porgere l'ultimo saluto. La cerimonia laica si è svolta alla presenza dei familiari, la

moglie Margherita Pastore

, i figli

Alberto

Christine

, i nipoti, degli amici stretti e dei collaboratori, e con le istituzioni, dal sindaco di Roma al governatore del Lazio Nicola Zingaretti, e i vertici di viale Mazzini, dalla presidente Marinella Soldi all'ad Carlo Fuortes. 


 


"Oggi che mi sento fra persone amiche - si è rivolto Alberto Angela alle centinaia di persone presenti - vorrei partire dall'ultima cosa che ha fatto papà: quel comunicato che tutti avete letto. E' stata l'ultima cosa che fisicamente ha detto, come discorso, con poche forze. Mia sorella e io lo abbiamo raccolto e trascritto". "E' il discorso - ha concluso - di qualcuno che parla a degli amici e che alla fine di una serata o una vacanza dice 'adesso io vado'".


 


"Ci ha insegnato tante cose, con libri e trasmissioni, ma anche con l'esempio - ha continuato Alberto Angela -: negli ultimi giorni mi ha

insegnato a non aver paura della morte

. La sua serenità mi ha davvero colpito. Se ne è andato soddisfatto, come quando ci si alza dopo una cena con gli amici. Quando ha capito che era arrivata la fine ha concluso le trasmissioni e il disco jazz, discorso ai familiari e al pubblico, e poi se ne è andato". "Sembrava riservato ma dentro aveva un fuoco. Continuerà a vivere attraverso libri, trasmissioni e dischi e in tutti quei ragazzi che con sacrificio cercano l'eccellenza, nei ricercatori, nelle persone che cercano di unire, che cercano la bellezza della natura e di assaporare la vita. La sua è una eredita' non fisica ma di atteggiamento nella vita. Ci ha detto di fare la nostra parte, e anche io ora cercherò di fare la mia", ha concluso infine Alberto Angela, il cui intervento è stato suggellato da un lunghissimo applauso.


 


La Sala della Protomoteca era piena di

corone

(tra cui anche

quella della Presidenza della Repubblica e della Presidenza del Consiglio

), e con i

gonfaloni

delle città di

Roma

e

Torino

(dove Angela è nato nel 1928), della

Regione Piemonte

e del

comune di Montelupo Fiorentino

(di cui il giornalista era cittadino onorario dal 2018). Un fluire ordinato ha scandito la lunga camera ardente, con persone di tutte le età, dai bimbi in passeggino agli anziani, esattamente così come era il suo pubblico, piccoli e grandi insieme, senza distinzioni: in tanti non sono riusciti a trattenere le lacrime, e moltissimi hanno lasciato il proprio nome nel libro firme.


 


Membri delle istituzioni e personaggi noti via via si sono mescolati alla folla in arrivo in Campidoglio: in primis il ministro della cultura Dario Franceschini, poi Enrico Letta, che ha lanciato l'idea di dare domani il nome di Piero Angela alle scuole superiori italiane, e ancora Pierferdinando Casini, Riccardo Di Segni, Renzo Arbore, Pino Strabioli. 


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali