FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pamela Prati, scontro a Verissimo: "Mi hanno minacciata con lʼacido"

La showgirl, ospite di Silvia Toffanin, esce e rientra in studio per raccontare gli ultimi sviluppi del suo discusso matrimonio: "Basta, mi sposerò in forma privata e non dirò più niente a nessuno"

Pamela Prati, scontro a Verissimo: "Mi hanno minacciata con l'acido"

Pamela Prati si confessa nuovamente a "Verissimo", nella puntata in onda l'11 maggio alle 16:10 su Canale 5. Nell'intervista con Silvia Toffanin la showgirl parla ovviamente del suo discusso matrimonio. "Tutto ciò mi ha distrutta. Abbiamo deciso di rimandare le nozze perché mancano gioia e serenità". E rivela un particolare inquietante: "Mi hanno fatto trovare dell'acido fuori di casa, con un biglietto orrendo".

La Prati si è sottoposta al fuoco di fila di domande della Toffanin per provare a fare chiarezza e a dissipare tutti i dubbi su una vicenda che sta tenendo bando da mesi e che chiara lo è sempre di meno. "Era tutto confermato: location, chiesa, testimoni: uno doveva essere Pingitore. L'altra, dopo l'impossibilità di Simona Ventura, ho pensato di farla fare a Pamela (Perricciolo ndr)" spiega la showgirl. apparsa dimagrita e provata. "Non riesco più a parlare. Dicono che sono stata truffata, plagiata, ma da chi? - sbotta -. Io sono una donna di 60 anni e non vado in tv a dire bugie. Volevo condividere una gioia e invece ha portato solo dolore”. Silvia Toffanin le chiede delucidazioni anche sul fatto che "Verissimo", che doveva seguire in esclusiva con le sue telecamere il matrimonio, non abbia mai ricevuto conferma esatta da parte del gruppo di Pamela Prati di una data e una località precisa. "Perché avevamo cambiato location - risponde la Prati -. Ci hanno detto di no all'ultimo per tutto quello che avevano sentito. Poi abbiamo trovato un'altra location in Toscana a Prato, e doveva essere l'8 maggio".

Ma tra le cose che fanno discutere di più in questa vicenda c'è sicuramente la misteriosa identità del futuro marito, Marco Caltagirone, e sul fatto che non sia uscita nemmeno una foto perché, afferma lo sposo, c'era un contratto d’esclusiva con ‘Verissimo’ (valido solo per il matrimonio, ndr). "Lui non fa parte del mondo dello spettacolo - confessa -, quindi pensava di non poter farsi vedere perché avevamo un'esclusiva del matrimonio. L'ha fatto in buona fede! Le foto di Marco esistono, ma lui fin dall'inizio mi ha detto che non voleva apparire". E sulla telefonata fatta dal futuro sposo al programma "Live - Non è la d'Urso", Pamela dichiara: "Confermo che era lui che ha chiamato in diretta Barbara d'Urso”.

Incalzata da Silvia Toffanin, sul mostrare una foto di Caltagirone, Pamela risponde: "In camerino te la faccio vedere. Se vuole venire e apparire lo deciderà lui, non verrà certo obbligato da me. Se avessi voluto divulgare le foto prima, l'avrei fatto". Un giallo dietro l'altro, tanto che Silvia Toffanin rivela un dettaglio emerso durante le trattative per portare il presunto futuro marito in trasmissione. Dopo la richiesta, la risposta dell'entourage è stata che Caltagirone, essendo molto ricco, non voleva firmare nessun documento e che al massimo ci proponevano che poteva venire girato di spalle: "Questa cosa non la so e non so chi l'abbia riferita sinceramente. A me non interessa, sono i media che stanno parlando e gettando fango su di me. Non ho guadagnato niente, sono stata strumentalizzata".

Convinta ad andare a prendere una foto e provare a chiamare al telefono Marco, Pamela Prati se ne va dallo studio, scatenando la reazione di Silvia Toffanin che afferma: "È tutto una barzelletta che non fa neanche più ridere". Dopo circa mezz'ora la showgirl torna sui suoi passi, rientra in studio e decide di mostrare solo alla conduttrice la foto di Marco Caltagirone: "È un uomo di 54 anni e l'unico motivo per cui non si mostra è per una questione di riservatezza. In questo momento – aggiunge - non c'è un'atmosfera delle migliori tra di noi. Io non ce la faccio più, perché scrivono delle cose non belle, ma è la loro versione".

Una storia che ha scatenato reazioni condannabili, sia sui social che nella vita reale: "Non abbiamo ammazzato nessuno, solo perché non si fa vedere non vuol dire che non esista. Esiste eccome. Sono state dette cose orrende, solo perché siamo personaggi famosi veniamo messi alla gogna: non va bene. Bisogna stare attenti, hanno ucciso alcuni artisti in passato parlandone male in questo modo". E rivela un episodio scioccante: "Mi hanno fatto trovare l'acido fuori dalla porta di casa con un biglietto orrendo. Ma è tutto nelle mani di chi di dovere. Si sta esagerando". E l'agente Eliana Michelazzo, presente tra il pubblico in studio, aggiunge in lacrime: "Abbiamo paura adesso. Siamo state aggredite, con l'acido, con un biglietto di minacce con scritto 'Al matrimonio ci arrivate a metà'".

Nessun problema finanziario e un futuro che dovrebbe prevedere ancora delle nozze: "Non ho nessun problema economico. Dove sta il guadagno in questa storia?" ribbatte lei che mette, all'apparenza, fine alla storia: "Adesso basta. Mi sposerò, ma lo farò in maniera privata, visto quello che è successo. E da oggi, quello che farò saranno solo fatti miei".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE