FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Morgan: "Vivo in uno sgabuzzino circondato dagli insetti"

Dopo lo sfratto il cantautore confessa di non riuscire a darsi pace: "Eʼ stato come uno stupro"

MORGAN

Sono passati quasi tre mesi dallo sfratto dalla sua casa ma per Morgan quella è una ferita ancora aperta. "E' stato come uno stupro - ha raccontato intervenendo alla trasmissione radiofonica "I lunatici" -. La casa è la cosa più importante che hai". Spiegando poi che adesso vive "in uno sgabuzzino a Milano, circondato dagli insetti. Non sto più lavorando. Non faccio più niente mentre prima facevo un sacco di cose".

Ora Morgan sta a Milano, "a Chinatown", spiega. Una sistemazione in attesa di capire cosa sarà della sua vita. Che per il momento sembra sospesa, incrinata. "Sto molto male - ha spiegato -, uno non ci pensa ma la casa è quel posto che quando hai freddo vai a ripararti. Per tutti è così". La sua casa ormai è stata venduta. Anzi, a suo parere svenduta ("a 200mila euro quando ne valeva almeno 700mila"). E il lavoro sospeso. E il pensiero corre a tutte le sue cose e i suoi strumenti sequestrati. "Dovrebbe sfruttare l'occasione per fare veramente il suo lavoro e pensare - dice riferendosi al giudice che ha deciso lo sfratto -, ma evidentemente non ce la fa. Ora manderà tutto al macero".