FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Luke Perry oggi avrebbe compiuto 54 anni: un anno e mezzo fa la scomparsa dell'affascinante Dylan di Beverly Hills

Amante di Brenda Walsh nella soap degli anni ʼ90 e interprete in film come "Cʼera una volta a... Hollywood", lʼattore americano era nato lʼ11 ottobre del 1966

luke perry
instagram

L'11 ottobre 1966 nasceva Luke Perry, stella della tv americana degli anni '90 e conosciuto principalmente per aver interpretato Dylan McKay di Beverly Hills 90210. Perry è morto un anno e mezzo fa a pochi giorni dall'annuncio del reboot della serie americana. Oggi l'attore avrebbe compiuto 54 anni, festeggiando una vita trascorsa sotto i riflettori di Hollywood.

Dalla tv al cinema - Nato a Mansfield, in Ohio, l'11 ottobre 1966, Perry ha iniziato la sua carriera televisiva a soli 16 anni comparendo in soap come "Quando si ama" e "Destini". Solo all'inizio degli anni '90 arriva però il vero punto di svolta per la sua carriera. "Beverly Hills 90210" lo sceglie per interpretare Dylan Mckay, misterioso e solitario figlio di un miliardario della città e storico amante di Brenda Walsh e Kelly Taylor. 

 

Luke Perry, le immagini di una carriera da icona

 

La carriera in tv lo porta sul set di "Will & Grace", "Law and Order" e "Body of Proof" oltre al ruolo di doppiatore in cartoni come "I Simpson", "L'incredibile Hulk" e "I Griffin". Fino al giorno della sua scomparsa, Perry interpretava Fred Adrews in "Riverdale", padre del protagonista. Il suo personaggio muore all'inizio della quarta stagione a cui sono seguiti una serie di episodi in suo onore. Aveva anche ottenuto il ruolo di Wayne Maunder nel film di Quentin Tarantino, "C'era una volta a... Hollywood". Pur riuscendo a concludere tutte le riprese, non ha mai potuto vedere la pellicola conclusa. Addirittura, durante la cerimonia per il Premio Oscar l'attore non è stato ricordato nel video "in memoriam" delle star scomparse nel 2019, generando molte polemiche e lamentele. 

 

LEGGI ANCHE > Luke Perry oggi avrebbe compiuto 54 anni: rivediamolo ai "Telegatti" del 1995

 

La morte - Perry è scomparso nella sua casa a Los Angeles il 4 marzo 2019 in seguito a un ictus che lo aveva colpito alcuni giorni prima. L'attore, padre di due figli avuti da un precedente matrimonio, era fidanzato con Wendy Madison Bauer, terapeuta ed ex attrice. I due stavano pianificando di sposarsi. La notizia ha colpito il mondo dello spettacolo e tutti i suoi fan a pochi giorni dall'annuncio di un reboot della serie Beverly Hills 90210 a cui doveva il suo successo. Sotto la foto della reunion, tra i commenti entusiasti per il grande ritorno, in molti hanno ricordato con dolore la scomparsa dell'attore. "Manca una persona", si legge e ancora: "Ci manca Luke Perry" oppure: "Ci manca Dylan, ma lui c'è spiritualmente".

 

La figlia di Luke Perry apre lʼalbum dei ricordi: le foto dʼinfanzia con il papà commuovono il web

"Ti voglio bene" è il semplice messaggio con cui la figlia di Luke Perry, Sophie, ha pensato di condividere con i propri follower su Instagram alcune foto della sua infanzia con il padre. I dolcissimi scatti hanno suscitato tanta nostalgia e commozione nei commenti dei fan. Dopo la morte del genitore, indimenticato Dylan McKay di "Beverly Hills 90210", lo scorso 4 marzo, Sophie è tornata in Africa per proseguire il suo lavoro da volontaria e dedicare a lui una scuola materna, la “Luke Perry School”.

leggi tutto

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali