FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Live - Non è la d'Urso", Giangavino Sulas: "Patrizia De Blanck è stata adottata"

Ospite in studio il giornalista racconta delle possibili origini della contessa attualmente concorrente del "GF Vip"

"Lei sa che è stata adottata". Giangavino Sulas a "Live - Non è la d'Urso" rivela alcune indiscrezioni sulle possibili origini della contessa Patrizia De Blanck e dichiara che la donna avrebbe raccontato in un'intervista, risalente al 2005, di non essere la figlia del conte Guglielmo De Blanck.

 

Si tratta, però, di una notizia che sembrerebbe già nota e che è stata confermata in diretta anche da Andrea Scala, l'ex compagno della contessa. A creare più clamore, però, sono state altre dichiarazioni del giornalista. "Lei ha scritto due cose - Sulas si riferisce all'intervista rilasciata dalla contessa anni fa - la prima è che è figlia di Alvaro Garanelli, un gerarca fascista molto importante. Quest'uomo - continua il giornalista - è figlio di un tipografo di Predappio e di una donna che Mussolini avrebbe sedotto". Secondo le fonti di Sulas "quest'uomo sarebbe il figlio del Duce e Patrizia De Blanck sarebbe la nipote del Duce". Si tratta di informazioni che, sempre secondo quanto riportato da Giangavino Sulas, la contessa avrebbe già diffuso. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali