FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Francesco Chiofalo racconta a "Verissimo" il dramma della sua malattia

Con grande emozione, il Lenticchio di "Temptation Island" torna a parlare dopo una lunga operazione al cervello per un tumore

Francesco Chiofalo potrebbe essere più conosciuto per il nomignolo "Lenticchio" e per la sua burrascosa partecipazione a "Temptation Island" nel 2017 assieme alla sua ormai ex Selvaggia Roma. Il periodo dei falò e dei confronti è però lontano e Chiofalo ha dovuto convivere per diverso tempo con un tumore al cervello. A fine 2018 ha affidato questa terribile rivelazione alle stories di Instagram e qualche mese dopo si è raccontato a Silvia Toffanin nel salotto di "Verissimo".

"Il giorno dell’operazione è stato il più brutto della mia vita. Sono andato sotto i ferri il 22 gennaio, la cosa peggiore è stata dirlo a mamma e papà. Avevo una paura fottuta, anche se ho l’immagine da duro sono un ragazzetto come tutti."

L'operazione è durata quattordici ore e nel ripercorrere i mesi che l'hanno poi portato a operarsi, Chiofalo non è riuscito a trattenere le lacrime. "Sono un piagnone" ha detto sorridendo, ammettendo poi di aver perso diversi chili, di non poter fare sport, guidare o prendere un aereo. "Le preghiere mi hanno aiutato a superare tutto, non mi posso lamentare per come è andata."

Dopo i duri mesi a convivere con il tumore e la conseguente rimozione, Chiofalo ha anche ritrovato l'amore: si tratta di Antonella Fiordelisi, sportiva e modella di ventun'anni che ha preso il posto di Selvaggia nel cuore dell'ex concorrente di Temptation Island.

Attualmente il ragazzo è in fase riabilitativa dopo l'operazione ma accusa diversi problemi: ha infatti riscontrato un brusco calo della vista, problemi alla memoria e anche al fegato per via degli antidolorifici assunti duranti la radioterapia. "Purtroppo esiste il rischio che il male ritorni" ha confessato alla rivista "Di Più". "Vivrò il resto della mia esistenza con questa paura: un secondo intervento sarebbe ancora più rischioso del primo, ci sarebbero poche probabilità di superarlo con successo".