FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Eva Henger parla dopo l'incidente in auto: "Ci vorrà qualche mese per tornare a camminare"

Il racconto a "Pomeriggio Cinque": "Ho molte fratture, dovrò sottopormi a più di un intervento"


 


"Sto malissimo, ci vorrà qualche mese per tornare a camminare". A

"Pomeriggio Cinque"

Eva Henger

parla dell'incidente stradale che l'ha vista coinvolta lo scorso 29 aprile in Ungheria insieme al  marito 

Massimiliano Caroletti

. Nell'impatto hanno perso la vita i due passeggeri dell'altra vettura. 


 



 


Dopo lo scontro tra le auto,

Henger e Caroletti

sono stati portati in due ospedali diversi: "Ci hanno diviso perché entrambi gli ospedali vicini al luogo dell'incidente avevano a disposizione una sola sala operatoria e avevano pochi medici - ha spiegato Eva - e siccome eravamo entrambi in gravi condizioni hanno pensato che così potessero darci tutte le cure di cui avevamo bisogno. Adesso che siamo fuori pericolo di vita ci hanno riunito e abbiamo chiesto una stanza in condivisione perché siamo coniugi". 


 


La showgirl ora attende di essere operata: "Dovrò sottopormi a

diversi interventi

- ha detto - sicuramente uno alla caviglia e uno al braccio - ha detto - ho molte fratture, alcune di queste non possono essere ingessate, bisogna solo stare immobili e aspettare di guarire". Henger ha ammesso di aver temuto che il marito fosse morto: "Dopo l'impatto sentivo il dolore per i tagli, quando sono arrivati i soccorsi c'era un vigile del fuoco che gridava a Massimiliano: stai con me, stai con me. Credevo che non ce l'avesse fatta". A Caroletti, infatti, è servito il massaggio cardiaco: "

Per dodici minuti il mio cuore si è fermato

, probabilmente per lo spavento - ha detto - non ho riportato nessun trauma, se non la rottura dello sterno che mi è stata provocata dal messaggio cardiaco". il suo cuore si era fermato 


L'

impatto

tra le due auto è stato molto forte: "Andavo a 52 chilometri orari, molto piano - ha aggiunto Eva -, ma anche se hanno accertato che la colpa non era nostra ho lo stesso i sensi di colpa per quello che è successo. Per fortuna mia figlia non era con voi, se ci fosse stata lei oggi non sarebbe più con noi".


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali