FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ellen DeGeneres si scusa dopo le accuse dello staff: "Sono dispiaciuta, prometto di fare la mia parte"

Dopo il polverone che si è abbattuto su uno degli show più seguiti d'America, la conduttrice ha inviato una lunga lettera

Dopo la bufera che si è abbattuta sul suo talk show, Ellen DeGeneres ha inviato una lunga lettera allo staff, porgendo le sue scuse per non aver assicurato un ambiente di lavoro sereno e rispettoso e sostenendo che verranno effettuati dei cambiamenti. Era stato un articolo di BuzzFeed a portare alla luce che sul set del programma vigeva "un ambiente di lavoro tossico", sostenuto dalle testimonianze di dipendenti o ex dipendenti della produzione.

LEGGI ANCHE > Lo show di Ellen DeGeneres sotto inchiesta: "Posto di lavoro tossico, razzismo e intimidazioni"

 

E' stato un brutto colpo per lo show, attivo dal 2003, perché è uno dei più premiati all’interno del panorama statunitense ed è anche riconosciuto e citato nella cultura di massa Usa, capace soprattutto di coinvolgere moltissimi protagonisti del jet set. Intanto, come ha riportato Variety, la WarnerMedia ha avviato un'indagine interna dopo le segnalazioni da parte di alcuni membri dello staff su presunti episodi di razzismo e abusi avvenuti nel backstage del programma.

 

Ellen DeGeneres ha così inviato una lettera in cui spiega: "In occasione del primo giorno di lavoro al nostro show ho detto al primo incontro che The Ellen DeGeneres Show sarebbe stato un luogo all'insegna della felicità: nessuno avrebbe mai alzato la voce e tutti sarebbero stati trattati con rispetto. Ovviamente qualcosa è cambiato e sono delusa nello scoprire che non è accaduto. E per questo, vi chiesto scusa". La conduttrice ha aggiunto: "Chiunque mi conosca sa che si tratta di qualcosa in totale opposizione rispetto a ciò in cui credo e in cui ho sperato per il nostro show. Non avrei potuto avere il successo che ho avuto senza il vostro contributo".

 

La DeGeneres sostiene di essersi fidata degli altri, ma che alcune persone non hanno agito come avrebbe voluto: "Sto inoltre scoprendo che le persone che lavorano con me e per me stanno parlando a mio nome e rappresentando in modo errato chi sono e questo deve finire. Sono stata giudicata e ho quasi perso tutto semplicemente per essere chi sono, capisco realmente e ho una profonda compassione nei confronti di chi viene guardato in modo diverso o trattato in modo ingiusto, non equo, o ancora peggio non viene considerato. Pensare che qualcuno di voi si sia sentito in quel modo per me è orribile".

 

Ha poi sottolineato: "Ci è voluto troppo tempo, ma finalmente stiamo parlando di equità e giustizia. Dobbiamo tutti essere più attenti per quanto riguarda il modo in cui le nostre parole e azioni hanno delle conseguenze sugli altri e sono felice di essere stata informata dei problemi del mio show. Prometto di fare la mia parte nel continuare a spingere me stessa e chi è intorno a me a imparare e crescere".

 

E ha concluso, assicurando allo staff: "Ripeto, sono così dispiaciuta nei confronti di chi non ha avuto quell'esperienza. Se non fosse stato per il covid avrei detto queste cose di persona e non vedo l'ora di ritornare nel nostro studio e vedervi tutti lì".

 

TI POTREBBE INTERESSARE:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali