FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Dritto e Rovescio", rissa sfiorata tra "Brasile" e Vauro che lo attacca: "Fascio di m***a"

A Rete 4 il vignettista interviene contro il neofascista che provoca la giornalista Francesca Fagnani, poi gli tende una mano sui social: "Incontriamoci in privato"

"Le tue sono minacce. Fammelo vedere a me, forza fascio di me**a". Sono le parole del vignettista Vauro a "Dritto e Rovescio" che va su tutte le furie quando Massimiliano Minnocci, soprannominato "Brasile", prende la parola contro la giornalista Francesca Fagnani.

 

"Vergognati, minacci una donna, ma siamo pazzi?", continua Vauro. Il vignettista e "Brasile", noto agitatore dell'estrema destra romana, arrivano quasi alle mani quando Vauro lo raggiunge tra il pubblico e si avvicina a pochi centimetri dal suo volto. Durante l'ultima puntata del programma di Rete 4, condotto da Paolo Del Debbio, si discute di nuovi fascismi. "Partiamo dal presupposto che Roma non è fascista", interviene Minnocci che conclude: "Roma è casa mia e nella borgata mia devi fare quello che dico io". 

Polemica rimbalzata sui social, tanto da indurre il vignettista a tendere una mano a "Brasile", attraverso una lettera aperta pubblicata su Facebook: "Incontriamoci in privato", e Minnocci pare abbia accettato.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali