FAN IN RIVOLTA

Dayane Mello molestata a "La Fazenda", interviene anche l'amica Rosalinda

Lo modella importunata dentro il reality dal cantante Nego Do Borel

22 Set 2021 - 12:46
1 di 14
© Instagram © Instagram © Instagram © Instagram

© Instagram

© Instagram

Non si sta rivelando una bella esperienza lavorativa per Dayane Mello "La Fazenda", la versione brasiliana del reality "La Fattoria". La modella è stata infatti molestata da un altro concorrente, il cantante Nego Do Borel, che ha provato più volte ad allungare le mani nonostante i rifiuti. Sul caso è intervenuta anche l'amica Rosalinda Cannavò:  "È vergognoso che un uomo non accetti di essere respinto".

Dopo una festa, il cantante ha dichiarato il proprio interesse a una Dayane visibilmente brilla e si è lasciato andare ad avances molto insistenti. Nego Do Borel si è infatti infilato nel suo letto, provando ripetutamente ad accarezzarla e baciarla. Dopo diversi rifiuti della Mello se n'è andato in preda all'ira, lanciando un secchio contro la modella.

Immagini forti che hanno fatto preoccupare anche Rosalinda Cannavò. La ragazza ha stretto amicizia con Dayane durante il "Grande Fratello Vip" e su Instagram ha sbottato: "Quello di cui sono venuta a conoscenza è vergognoso. È vergognoso che un uomo non accetti di essere respinto e usi un momento di debolezza di una donna per approfittare di lei. I semplici provvedimenti all’interno di un programma a me personalmente non bastano. Ti sono vicina con tutto il mio cuore!".

Anche la famiglia di Dayane è molto preoccupata e, sul profilo social della modella, ha condiviso un video in cui vengono mostrati i tanti approcci molesti del concorrente. "A causa del silenzio della rete televisiva e delle molestie che Dayane ha subito, vogliamo chiarire che si stanno prendendo le misure necessarie", si legge. "Detto questo, ci teniamo a sottolineare quanto sia deplorevole vedere una donna in uno stato di vulnerabilità, sottoposta ad atti libidinosi, anche dopo aver detto innumerevoli no".

Ti potrebbe interessare:

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri