FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Sex and the City", Kim Cattrall vittima di bullismo e pressioni dopo il rifiuto di tornare nei panni di Samantha

Al Guardian lʼattrice ha rivelato le conseguenze del suo no al terzo capitolo cinematografico tratto dalla serie cult

"Sex and the City", Kim Cattrall vittima di bullismo e pressioni dopo il rifiuto di tornare nei panni di Samantha

Kim Cattrall si è rifiutata di tornare a vestire i panni di Samantha Jones e non prendere parte a un eventuale terzo capitolo cinematografico tratto dalla serie "Sex and the City". Questo ha creato negli anni battibecchi e accuse a distanza con Sarah Jessica Parker. E ora rivela (in un'intervista a The Guardian) di essere anche stata vittima di "pressioni": "Non riuscivo a capire perché non mi sostituissero semplicemente con un'altra attrice, invece di perdere tempo a farmi bullismo".

L'attrice americana ha anche ammesso: "Ho interpretato Samantha Jones perché ho amato Sex and the City. Per me è stata una benedizione, ma dopo il secondo film ne ho avuto abbastanza". Mentre in merito ai continui litigi con la collega è stata chiara: "Non reciterò mai più in Sex and the City. Impari delle lezioni nella vita, quella che ho imparato io è che voglio lavorare solo con persone positive".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali