FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Game of Thrones", rivelazione shock di Emilia Clarke: "Ho avuto due aneurismi"

La Daenerys della fortunata saga tv ha affidato al "New Yorker" il drammatico racconto: "Ho temuto di non farcela"

"Game of Thrones", rivelazione shock di Emilia Clarke: "Ho avuto due aneurismi"

Emilia Clarke, la Daenerys nella serie "Game of Thrones", ha avuto due aneurismi e altrettante operazioni al cervello. Lo ha rivelato al New Yorker: "Non ho mai raccontato questa storia pubblicamente". Il primo attacco risale al 2011 dopo aver finito di girare la prima stagione: fu addirittura incapace di pronunciare il suo nome. Il secondo avvenne al termine delle riprese della terza stagione. Fu in pericolo di vita e rischiò di perdere le facoltà cognitive.

"Proprio quando tutti i miei sogni di infanzia sembravano diventare realtà ho quasi perso la ragione e poi la mia vita", così inizia il racconto intimo di Emilia Clarke. Tutti problemi sono iniziati quando l'attrice aveva solo 24 anni e la sua carriera era sulla rampa di lancio. Racconta che si sentiva terrorizzata dopo la prima stagione di "Game of Thrones": "Avevo paura dell'attenzione, di un lavoro che non riuscivo quasi a capire, di provare a non deludere la fiducia che i creatori della serie avevano riposto in me. Mi sentivo, in ogni modo, esposta".

Per superare lo stress ha iniziato ad allenarsi e a questo punto ha cominciato a sentire i primi sintomi dell'aneurisma, un'emicrania che le impediva di allacciarsi le scarpe mentre era in palestra: "Ho provato la sensazione che una fascia elastica stesse schiacciandomi il cervello. Ho cercato di ignorare il dolore e andare avanti, ma semplicemente non potevo farlo". "Il dolore - come dei colpi, delle pugnalate, delle compressioni - stava peggiorando. In un certo senso sapevo cosa stava accadendo: il mio cervello era danneggiato". Una donna le ha prestato soccorso chiamando aiuto: "Ricordo il suono di una sirena, un'ambulanza, ho sentito delle nuove voci, qualcuno che diceva che il polso era debole. Stavo vomitando bile".

Dopo una risonanza magnetica si è scoperto che l'attrice aveva un'emorragia cerebrale causata dal sanguinamento nello spazio che circonda il cervello: "Avevo avuto un aneurisma, la rottura di un'arteria. Come ho scoperto in un secondo momento, circa un terzo dei pazienti con la stessa diagnosi muore immediatamente o poco dopo". "Se volevo vivere ed evitare dei deficit terribili dovevo essere immediatamente operata", continua.

La star è stata poi trasferita al National Hospital for Neurology dove ha subito un intervento: "E poi sono stata priva di sensi. Per le successive tre ore i chirurghi hanno lavorato per riparare il mio cervello. Non sarebbe stato il mio ultimo intervento. Avevo 24 anni". Quando si è svegliata il dolore era insopportabile, non vedeva bene e mentre compiva degli esercizi cognitivi ha provato un grande senso di panico. "Sono un'attrice, devo ricordarmi le battute e ora non riuscivo a ricordarmi nemmeno il mio nome. Stavo soffrendo di afasia, una conseguenza del trauma subito dal mio cervello. Anche se stavo dicendo cose senza senso, mia madre è stata così gentile dall'ignorarle e provare a convincermi che ero perfettamente lucida".

Un mese dopo l'emergenza è uscita dall'ospedale, ritornando ad affrontare le interviste per la promozione della serie. I dottori l'avevano avvisata che dall'altro lato del cervello c'era un piccolo aneurisma e che la situazione avrebbe potuto peggiorare da un momento all'altro o magari rimanere stabile. La Clarke ha rivelato il problema ai produttori della serie, chiedendo riservatezza e aiutandosi con la morfina per evitare i dolori. Al termine della terza stagione, nel 2013, mentre era a New York si è sottoposta a un controllo e ha scoperto che era necessario intervenire di nuovo. Ma non andò tutto come previsto: "Quando mi hanno svegliato stavo urlando dal dolore. La procedura non aveva funzionato. Avevo un'importante emorragia e i dottori mi hanno detto chiaramente che le mie chance di sopravvivenza erano poche se non mi operavano di nuovo. Questa volta dovevano accedere al mio cervello attraverso il cranio e l'operazione doveva avvenire immediatamente".

Il recupero fu più problematico del precedente: "Avevo l'aspetto di qualcuno che aveva affrontato una guerra molto più violenta rispetto a quelle affrontate da Daenerys. Ero uscita dall'operazione con un drenaggio che usciva dalla testa. Parti del mio cranio erano state sostituite con il titanio. E c'era, in particolare, la costante preoccupazione riguardante ogni possibile perdita cognitiva o dei sensi".

La dichiarazione arriva a poche settimane dalla partenza dell'ottava e ultima stagione della serie (15 aprile), uno dei momenti televisivi più attesi dell'anno a livello mondiale da milioni di fan. "C'è di che essere grati, non solo per la fortuna. Sono felice di essere qui a vedere la fine di questa storia e l'inizio di qualunque cosa avverrà ora", ha concluso l'attrice.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE